Interramento rifiuti tossici sul territorio provinciale: Petraroia e Facciolla scrivono al Prefetto di Isernia

601

Al fine di avviare un’attività istituzionale coordinata di accertamento dei fatti riportati nelle dichiarazioni del collaboratore di giustizia, Carmine Schiavone, circa il presunto interramento di rifiuti tossici nell’area a confine tra la Provincia di Caserta e la Provincia di Isernia, prospettiamo la costituzione di una sede di coordinamento presso la Prefettura di Isernia che pianifichi interventi a più livelli con le diverse amministrazioni interessate, tesa a verificare la sussistenza di possibili rischi per le popolazioni locali.

In particolare l’azione di accertamento potrebbe concentrarsi nell’area della Piana di Venafro dove si sono registrate alcune segnalazioni e dove nel recente passato sono state rinvenute tracce di diossina su carni macellate sul territorio.
Stante il rilievo e la delicatezza della materia, è preferibile raccordare e pianificare le funzioni dei diversi livelli istituzionali statali, regionali e comunali, che hanno competenze specifiche sulla salvaguardia ambientale e sulla tutela sanitaria dei cittadini.

Nota a firma congiunta del Vice-Presidente della Giunta, Michele Petraroia, e dell’Assessore all’Ambiente, Vittorino Facciolla.

Commenti Facebook