Forum Sinistra Giovanile: “Isernia ha bisogno di esprimere una nuova classe dirigente”

715

Il terremoto politico su Isernia segna l’inizio di un nuovo ordine di cose. C’è bisogno di una nuova classe dirigente e soprattutto bisogna ripartire dai giovani per ricostruire un tessuto politico che torni a guardare l’interesse della collettività e il bene comune. Bisogna riconquistare la fetta dell’astensionismo, una generazione che seppure distaccata dalla politica non risulta essere impolitica. I giovani la guardano e la ignorano allo stesso tempo, invece politica e mondo giovanile devono necessariamente riavvicinarsi. Presto a Isernia si tornerà al voto ed è sbagliato pensare soltanto ad un ruolo da riempi-lista per i giovani, il cui vero obiettivo deve essere una partecipazione politica che non si riduca solo alla competizione elettorale. Come Forum della Sinistra Giovanile Molisana lanciamo un appello affinché su Isernia si punti ad un vero rinnovamento, con menti libere e pensanti, affrontando una seria discussione anche nei partiti. Politici non si nasce ma si diventa. Non è più possibile seguire il canonico iter del “candidarsi e farsi eleggere senza un progetto di reale cambiamento”. Noi come Forum lo stiamo dimostrando attraverso la Scuola di Scienza Politica del Molise e con iniziative concrete come “Molise 2020”, una vera e propria piattaforma reale con la quale abbiamo lanciato progetti concreti su temi importanti come Lavoro e Turismo. Bisogna riflettere sulla complessità del sistema e avere il coraggio di porsi quesiti sulla dura attualità, per formarsi un personale, autonomo senso critico, libero da vecchie ideologie semplicistiche e clientelari. Anche Isernia deve guardare al futuro e in modo consapevole. Finora le amministrazioni precedenti non lo hanno dimostrato. Dobbiamo avere il coraggio di affrontare i nostri coetanei, capire i loro problemi, al di là dei facili schemi precostituiti dalla politica degli ultimi anni, e offrire soluzioni concrete. Alcuni problemi sono noti da tempo: precarietà, povertà, disoccupazione alle stelle, mancanza di parità di accesso al lavoro per le donne. A questi problemi si aggiungono l’impossibilità per i giovani di crearsi una famiglia e il più delle volte l’essere costretti a “prostituirsi” per poter lavorare. Queste sono le vere questioni irrisolte su cui la Sinistra deve far sentire la sua voce. Isernia può tornare ad occupare un ruolo importante nella strategia regionale e lo deve fare esprimendo una nuova classe dirigente che coinvolga maggiormente le nuove generazioni. Come Forum siamo pronti a dare il nostro contributo in favore di una città abbandonata dalla politica ma che invece può tornare competitiva solo se totalmente formata e rinnovata.

Per il Forum della Sinistra Giovanile del Molise, Coordinamento “Molise 2020”
Roberto Colella
Sara Ferri

Commenti Facebook