Fibrosi Cistica: la sensibilità dell’Istituto Colozza di Campobasso

1666

scuola colozzaAlla presenza del Presidente della LIFC-MOLISE Onlus Carmine D’Ottavio  il Dirigente Scolastico dell’Istituto Statale Medie Inferiori G.A. Colozza di Campobasso Prof.ssa Angelica Tirone e la Prof.ssa Angelita de Santis responsabile del “Progetto Continuità” fatta dagli alunni dalle classi 1^C dell’Istituto Colozza e della classe 5^C del Secondo Circolo Didattico di Via D’Amato dell’anno 2012-2013, tale progetto consisteva nel creare oggetti fatti a mano per poi venderli e raccogliere fondi, grazie a tutto ciò la stessa Dirigente dona € 100,00 per aiutare i progetti che la stessa LIFC sta adottando.

L’impegno della LIFC-MOLISE Onlus di impiegare questi soldi per acquistare delle attrezzature per il centro di F.C. in particolare per la stanza del Fisioterapista che si spera gli venga concessa da qui a breve dalla Direzione Generale Asrem.
La LIFC MOLISE Onlus ringrazia La Dirigente Scolastica dell’Istituto Statale  G.A. Colozza la Prof.ssa A. Tirone, le professoresse A.  De Santis, la Prof.ssa A. Spallone e a tutti gli alunni coinvolti per l’impegno profuso in tale progetto.
La Fibrosi Cistica è una malattia per la quale non esiste oggi una cura definitiva. Sottopone chi ne è affetto a continue sfide, ad un impegno costante fatto di terapie quotidiane e ad uno sforzo lungo una vita per respirare. Si tratta di una patologia genetica che colpisce polmoni, pancreas e fegato, comportando tosse persistente, infezioni respiratorie ricorrenti, frequenti disturbi gastrointestinali e scarso accrescimento. Ne nasce affetto un bambino ogni 2.500, mentre un individuo su 25 ne è portatore sano, dunque non si tratta di una malattia rara, come molti credono.
Oggi è possibile curare la FC solo se viene diagnosticata precocemente, per questo è importante la prevenzione. In tale direzione, la LIFC-MOLISE Onlus mira ad informare e sensibilizzare l’opinione pubblica su tale argomento.

Commenti Facebook