Coldiretti/ Il Molise si candida a produrre mandorle a km zero

216

Dopo il progetto di una filiera per la produzione di un olio evo tutto made in Molise, la spinta verso il pescato a miglio zero e l’ormai collaudata filiera del grano duro, con il “Senatore Cappelli”, Coldiretti Molise volge lo sguardo alla frutta in guscio sposando il progetto della Nutfruit Italia, azienda di Monteroduni produttrice di mandorle e nocciole, di creare una filiera delle mandorle tutte made in Molise.

Di questo si è parlato nella sede centrale della Coldiretti Molise a Campobasso, nel corso di un apposito incontro durante il quale Luigi Ricciardi della Nuitfruit Italia ha illustrato ai numerosissimi soci di Coldiretti intervenuti il progetto aziendale che prevede di impegnare in regione 3000 ettari per la coltivazione delle mandorle. Questo frutto è molto richiesto in Italia, specie dall’industria dolciaria, tuttavia la produzione nazionale è ben al di sotto della richiesta, circostanza questa che spinge all’importazione dall’estero, in larga parte dalla California.

Tuttavia, in un periodo storico in cui si fa sempre più attenzione alla provenienza e tracciabilità dei cibi, le mandorle italiane sono sempre più richieste quindi la loro produzione si sta rivelando un ottimo investimento. Per questo la Nutfuit è pronta a sostenere gli imprenditori agricoli molisani interessati a impiantare mandorleti a partire dall’analisi dei terreni, passando per la messa a dimora degli alberi, fino a giungere all’acquisto del prodotto, garantendo ai produttori un prezzo minimo che può essere aumentato in base alle premialità contenute nel contratto che questi sottoscriveranno con l’azienda.

Riguardo alla spesa iniziale di impianto, gli imprenditori interessati potranno inoltre godere di condizioni agevolate per la restituzione del prestito, grazie a specifici accordi fra la Nutfruit ed alcuni istituti bancari. Ulteriori e più dettagliate informazioni potranno essere richieste contattando la struttura tecnica di Coldiretti Molise tel. 0874/66248 (dr. Angelo Felice).

Commenti Facebook