Trasferimento anziani a Venafro/ Fanelli: azione sulla scorta di quali valutazioni?

315

Sui tristi e ancora incomprensibili fatti di questa notte ho appena presentato, insieme al Consigliere Facciolla, una interrogazione urgente perché si faccia piena luce sulla vicenda dei trasferimenti degli anziani di Agnone e Cercemaggiore all’ospedale di Venafro.

Esprimiamo la nostra massima vicinanza alle persone anziane che stanno affrontando la battaglia più difficile della loro vita e massima solidarietà a loro e alle loro famiglie in apprensione, anche perché al momento non riescono ad avere informazioni sui propri cari. E chiediamo di avere dal Governatore Toma tutte le informazioni per comprendere i motivi di quella che appare come una gestione confusa e potenzialmente rischiosa. Sia per i pazienti, che per il personale incaricato dei trasferimenti e della loro presa in carico.

Troppe le domande che, al momento, restano senza le necessarie e doverose risposte.

Chi ha assunto la decisione di trasferire i pazienti positivi delle case di riposo di Agnone e Cercemaggiore a Venafro e quelli di Cercemaggiore prima a Larino e poi a Venafro?
Sulla scorta di quali valutazioni?
L’ospedale di Venafro è stato strutturalmente preparato per accogliere pazienti Covid?
Il personale è adeguatamente formato e protetto per affrontare questa situazione emergenziale?
In caso di aggravamento delle loro condizioni di salute e di necessità di terapia intensiva, questi poveri anziani dove saranno portati? A Larino o a Campobasso?
Le famiglie sono state informate sui trasferimenti e sulle condizioni di salute dei loro familiari?
Perché non è stato informato il Consiglio regionale, che proprio ieri si è riunito, stravolgendo il piano regionale dell’emergenza? È stata forse una scelta voluta, quella di mantenere la massima Assise all’oscuro di quanto si stava decidendo?
Quali misure intende assumere la Regione e l’Asrem per prevenire analoghe situazioni?

E, soprattutto, basta cambi di idee e improvvisazioni!
Fatti gravi accadono e si accavallano giorno dopo giorno ed esigono risposte chiare ed immediate da parte del Presidente Toma che, ancora una volta, si sta dimostrando sempre più inadeguato a gestire questa emergenza.

Parimenti, lancio un appello a tutte le comunità molisane, affinché si abbandonino logiche di campanile ed ognuno sia pronto ad offrire, a tutti, tutta la necessaria assistenza. Non sposiamo la logica dell’egoismo e del campanile, ma quella dell’accoglienza e della solidarietà!

Micaela Fanelli

Commenti Facebook