Richiesta di interventi coordinati e urgenti a supporto delle strutture residenziali socio-assistenziali e socio-sanitarie, per anziani e non

175

Queste settimane viviamo tutti con grande preoccupazione e ansia la costante crescita nel territorio regionale dei casi di contagio da Covid-19 e del numero delle persone che non riescono a superare la malattia.

La situazione di rischio è molto diffusa e capillare. Le persone più fragili e la popolazione
anziana sappiamo essere quelle più esposte e che necessitano di misure appropriate e tempestive di intervento.

Le strutture residenziali per gli anziani, quelle socio-assistenziali e le RSA, sono nuovamente al centro dell’attenzione della stampa e dei mezzi di comunicazione. I casi di contagio che si manifestano, per quanto circoscritti al momento ad alcune realtà, destano allarme su tutto il sistema, in quanto coinvolge gli ospiti, i loro familiari, i soggetti gestori e tutti gli operatori in esso impegnati.

In questa situazione sentiamo la necessità e il dovere di esternare le diffuse e assai gravi
difficoltà che le nostre associate ci segnalano, nel rapporto con i servizi del sistema sanitario regionale dei diversi distretti, per la gestione delle situazioni critiche che quotidianamente si presentano.
Segnaliamo una casistica varia e, per molti versi, drammatica:

  • la finora mancata applicazione, nonostante le nostre ripetute sollecitazioni e le richieste
    esplicite, al sistema sanitario regionale, una attività di screening diretto agli operatori e ospiti
    delle strutture residenziali;
  • la difficoltà ad avere tempestivamente i tamponi per gli ospiti con sintomi o nelle fasi di
    ingresso in struttura o al loro rientro da visite mediche esterne;
  • la irraggiungibilità di molti medici di famiglia per monitorare lo stato di salute dei propri
    pazienti ospitati in struttura.

A tutto ciò si somma l’incertezza che vivono i nostri operatori, che come tutti i cittadini, al presentarsi di sintomi incerti e in mancanza di una presa in carico e valutazione tempestiva del proprio stato di salute, si trovano in malattia e quarantene che li portano ad assentarsi dal posto di lavoro, aggravando una situazione di carenza di personale in servizio.
A fronte di questa situazione di difficoltà generale, le nostre cooperative sociali si stanno impegnando al massimo per applicare tutte le misure organizzative e i protocolli di sicurezza anti- Covid concordati e definiti negli accordi a livello nazionale e regionale con le OO.SS, nonché nellelinee operative dell’Istituto Superiore di Sanità per la prevenzione e controllo delle infezioni da Covid nelle strutture residenziali sociosanitarie e socioassistenziali.

Lo si sta facendo con il senso di responsabilità che occorre in questa situazione d’emergenza, che ha evidentemente profili drammatici per la vita di tutte le persone coinvolte: imprenditori cooperatori, lavoratori, ospiti e pazienti.
Ma proprio per questo chiediamo con la massima urgenza la definizione e la messa in atto di misure che intervengano immediatamente a superare le criticità segnalate.
Riteniamo indispensabili una serie di interventi che garantiscano:

la messa a disposizione dei differenti dispositivi di protezione individuali (DPI), che sono
necessari a garantire l’operatività delle strutture e dei servizi erogati a domicilio per le
persone più fragili, anziani in testa. Ciò, anche tenuto conto delle nuove difficoltà di
approvvigionamento che si stanno riscontrando e dei prezzi speculativi e immorali che molti fornitori stanno praticando;

-l’erogazione di ristori sulle mancate entrate, causate in particolare dalla richiesta riserva di posti letto per gli eventuali periodi di quarantena anti Covid 19, a cui le imprese da noi
rappresentate stanno ottemperando in ossequio all’attuazione delle diposizioni del Governo Nazionale, della Regione, dall’ATS e dall’ISS;

  • la formazione degli operatori dell’assistenza domiciliare come supporto agli anziani
    e ai soggetti che presentano sintomatologia da contagio del Covid 19;
  • un supporto per le strutture che registrano la presenza di soggetti contagiati da Covid 19,
    prevedendo una fattiva collaborazione con le strutture sanitarie territoriali e i servizi di
    Assistenza Domiciliare Integrata (ADI);
  • un supporto economico per le maggiori spese dovute al personale in sostituzione.

Interventi di questo tipo sono stati adottati da diverse Amministrazioni regionali, tra cui
segnaliamo tra i più efficaci quelli adottati in Piemonte, Veneto e Toscana. È fondamentale che misure similari possano essere attuate anche nella nostra regione, soprattutto, siamo certi della loro drammatica necessità.
Animati da quella cultura cooperativa e democratica che ci muove nell’esercizio di una
cittadinanza attiva e solidale, con spirito di responsabile e leale collaborazione, attendiamo un rapido cenno di riscontro.

A.G.C.I. MOLISE

CONFCOOPERATIVE MOLISE

LEGACOOP MOLISE

( foto di repertorio)

Commenti Facebook