Assegno Unico Universale/Federico: un passo in avanti verso la riscrittura del welfare familiare

252


La Camera dei Deputati ha approvato la proposta di legge delega per istituire l’assegno unico universale per le famiglie con figli: uno strumento utile ed efficace che consentirà di affrontare la genitorialità in modo più sereno.
Si tratta di un beneficio economico che spetterà a tutti i nuclei familiari con figli minorenni, proporzionato al reddito, e sostituirà tutte le misure già esistenti a sostegno delle famiglie, aiutando madri e padri con un unico strumento, ma più efficace e a carattere permanente.
Il beneficio decorrerà dal settimo mese di gravidanza fino al 18° anno del figlio, ma potrà essere erogato (con importo più basso) fino al 21° anno di età nel caso il figlio studi, si stia formando professionalmente, stia facendo un tirocinio, sia in cerca di lavoro o svolga il servizio civile universale. Per i figli successivi al primo, l’assegno sarà maggiorato.
E sarà maggiorato dal 30 al 50% per ogni figlio con disabilità, in modo proporzionale alla gravità della disabilità, erogato anche oltre il 21° anno di età, fino a quando il figlio sarà a carico dei genitori. Inoltre non sarà considerato per il calcolo delle prestazioni sociali agevolate, dei trattamenti assistenziali e di altri benefici e prestazioni sociali per i figli con disabilità. L’assegno, inoltre, sarà totalmente compatibile con il Reddito di cittadinanza:
Ora il provvedimento passa al Senato e poi il Governo dovrà definirne i dettagli attraverso i decreti attuativi. Insomma: è cominciato un fondamentale percorso di riscrittura del welfare familiare.
Inoltre, presto il Parlamento inizierà l’esame del Family Act già approvato in Consiglio dei ministri. L’obiettivo è consegnare all’Italia un pacchetto di misure che sostenga le famiglie in modo stabile, migliori la conciliazione vita-lavoro, soprattutto per le donne, preveda misure di contrasto alla povertà educativa e una crescita armoniosa dei bambini. 

Commenti Facebook