Iniziata nell’I.R.C.C.S. Neuromed e nel Polo di Ricerca Neurobiotech, la settimana della scienza

118

È iniziato il 23 settembre  l’incontro tra studenti e mondo della ricerca. Gli autobus dai quali sono scesi i ragazzi delle scuole superiori del territorio hanno segnato il punto di partenza di una settimana tutta dedicata al dialogo tra scienza e cittadini. È così che il progetto B-Future della Fondazione Neuromed, che vede il supporto della Commissione Europea nell’ambito delle azioni “Marie Skłodowska-Curie” del programma Horizon 2020, avvia la Notte Europea dei Ricercatori 2018.

I centri scientifici dell’I.R.C.C.S. Neuromed di Pozzilli e del Polo di Ricerca Neurobiotech di Caserta hanno così accolto i primi studenti, coinvolgendoli attraverso visite guidate, laboratori interattivi e iniziative culturali. Ma soprattutto i ragazzi hanno incontrato i ricercatori, quelli che la scienza la fanno ogni giorno e che, meglio di qualsiasi documentario, libro di testo o programma televisivo, possono raccontare il mestiere della scienza: cosa significa cercare nuove risposte in quello che Galileo chiamava “Il grande libro della natura”.

Tutto ruota attorno all’idea di una macchina del tempo. Un viaggio nel tempo attraverso antiche idee, antiche sfide, per arrivare alle grandi domande del presente, fino al futuro che la scienza sta disegnando. Rappresentato dalla De Lorean, l’indimenticabile auto del film “Ritorno al futuro”, il viaggio proposto da B-Future vuole indicare come la scienza sia parte della vita di tutti, in ogni giorno. Non solo nelle meraviglie tecnologiche che ci circondano, ma anche nel modo stesso di pensare e di vedere il mondo.

Gli incontri con gli studenti proseguiranno per tutta la settimana, con la giornata di giovedì che li vedrà conoscere la Moli-Bank, entrando così in contatto con un mondo molto particolare: quello delle biobanche, dove grandi quantità di campioni biologici vengono immagazzinati per aprire la strada alle ricerche del futuro. L’apertura della Moli-Bank è inserita nel programma della European Biotech week.

Numerosi altri eventi arricchiscono questa settimana della scienza, anche a livello internazionale. Martedì e mercoledì, infatti, due ricercatori Neuromed, Vittorio Maglione, del Laboratorio di Neurogenetica e Malattie Rare, e Benedetta Izzi, del Dipartimento di Epidemiologia e Prevenzione, saranno a Bruxelles per partecipare all’evento “Science is Wonder-ful”, organizzato dalla Commissione Europea.

Si arriverà così a venerdì 28 settembre, quando Neuromed ospiterà il simposio “Investire nei giovani ricercatori per disegnare il futuro dell’Europa”, che vedrà il collegamento in diretta con i 26 Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico delle Neuroscienze e della Neuroriabilitazione. Anche il Museo della Scienza di Milano sarà in streaming, collegando il Progetto B-Future all’evento Back to the future – Brain in the space della Fondazione Carlo Besta.ù

Al termine del simposio, l’apertura dei laboratori al pubblico. Per tutta la serata i cittadini di ogni età avranno la possibilità di interagire con i ricercatori Neuromed e di visitare gli strumenti del loro lavoro. Il tutto accompagnato dall’allegria del “Pub med”, dalla musica dei “Paipers”, dal cibo mediterraneo del “Science dinner” e dallo spettacolo “Led Show – Illuminiamo la ricerca”.

La conclusione di questa densa settimana sarà infine segnata da un evento perfettamente inserito nel panorama attuale del dibattito scientifico italiano: sabato mattina, alle ore 10,30, il Complesso Monumentale Belvedere di San Leucio, a Caserta, ospiterà Il convegno “Le fake news in medicina: una patologia dell’informazione”.

B-FUTURE è promosso dalla Fondazione e dall’IRCCS Neuromed in collaborazione con:
Rete degli IRCCS delle neuroscienze
Centro Italiano di Ricerca Aerospaziale
Università di Scienza e Tecnologia di Huazhong (Cina)
Consorzio Campania Bioscience – Università Vanvitelli
Università Parthenope – Dipartimento di Scienze Motorie e Dipartimento di Ingegneria
Ufficio Scolastico Regionale del Molise
Scuole superiori di Caserta e provincia
Polo Museale del Molise.
Con il patrocinio del Ministero della Salute

Il Progetto B-Future è finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito delle azioni Marie Skłodowska – Curie (GA N° 818973)

Commenti Facebook