Diocesi Isernia -Venafro: VIII anno per la Scuola di Formazione Teologico- Pastorale

928

Con la lezione inaugurale di S.E. Mons. Camillo Cibotti, vescovo di Isernia-Venafro, che si terrà Venerdì prossimo 3 ottobre nell’aula magna dell’Università degli Studi di Isernia, riapre le sue attività la Scuola di Formazione Teologico-Pastorale. Il tema scelto per la prolusione è: “Il significato dell’istanza morale nella nostra società moderna”.  La Scuola di Formazione Teologica, nata otto anni fa, vuole continuare ad essere un’occasione offerta a tutti i fedeli laici della diocesi per approfondire la propria fede e la propria cultura religiosa. La finalità primaria della Scuola è quella di proporre un itinerario di formazione teologica, filosofica e scritturistica di base aperto a tutti i cristiani adulti desiderosi di prendere coscienza e consapevolezza delle dimensioni culturali della fede cristiana, avendo come obiettivo quello di educare alla serietà del “pensiero cristiano” dove ragione e fede si stimolano a vicenda, tenendo conto della situazione culturale e sociale contemporanea. I suoi obiettivi formativi, infatti, sono quelli di formare cristiani adulti che sappiano giudicare tutto con gli occhi della fede, preparare educatori, catechisti, operatori pastorali, ministri istituiti e straordinari, animatori dell’assemblea e del canto liturgico, offrire la possibilità a coloro che lo desiderano di approfondire il loro cammino di fede e di collaborazione nella pastorale parrocchiale, creare occasioni di approfondimento su tematiche pastorali che favoriscano il confronto e la riflessione fra operatori diversi, fra laici e presbiteri. Attraverso i corsi, che si terranno ogni settimana da ottobre a giugno, i partecipanti potranno  allargare gli orizzonti della loro conoscenza di Dio, della dottrina della Chiesa e della vita cristiana nel suo divenire.  Svariati saranno, infatti, gli argomenti che spazieranno dalla Sacra Scrittura alla Teologia Morale, dalla Catechetica all’Ecclesiologia, dalla Bioetica alla Liturgia, dalla Dogmatica alla Patrologia.

Commenti Facebook