Morti sul lavoro, +11,6% nei primi 3 mesi dell’anno

97

Dai dati pubblicati dall’Inail emerge che; le denunce di infortunio sul lavoro con esito mortale presentate tra gennaio e marzo sono state 212, 22 in più rispetto alle 190 del primo trimestre 2017 (+11,6%), l’aumento è costituito da casi avvenuti in itinere, tragitto andata e ritorno casa-lavoro, aumentati di 24 unità (da 43 a 67), mentre quelli occorsi durante il lavoro hanno registrato una lieve diminuzione (da 147 a 145).
L’analisi territoriale evidenzia un incremento di 19 casi mortali nel Nord-Ovest, 10 casi nel Nord-Est e sette casi al Centro, diminuiscono i decessi al Sud (-9) e nelle Isole (-5). Sempre dagli Open Data Inail, a livello regionale spiccano le 15 denunce in meno (da 19 a 4) dell’Abruzzo e sei casi mortali in meno in Sicilia (da 18 a 12) e Toscana (da 15 a 9).
Aumenti si registrano in Lombardia (da 25 a 39), Piemonte (da 12 a 21) e Lazio (da 11 a 21). Una morte su due ha coinvolto lavoratori di età compresa tra i 50 e i 64 anni, per i quali si registra un incremento di 29 casi (+35%) rispetto ai primi tre mesi del 2017. In diminuzione, invece, le denunce per i lavoratori fino a 34 anni (da 32 a 25 casi) e per quelli tra i 45 e i 49 anni (da 26 a 17).
Nel primo trimestre 2018 +5,8% le denunce di malattie professionali, i nuovi open data Inail confermano, dopo il calo registrato nel corso di tutto il 2017,l’aumento delle denunce di malattia professionale già rilevato nei primi due mesi del 2018, che al 31 marzo si è attestato al +5,8%, pari a 877 casi in più rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (da 15.247 a 16.124).
Le patologie del sistema osteo-muscolare e del tessuto connettivo, con quelle del sistema nervoso e dell’orecchio continuano a rappresentare le prime malattie professionali denunciate.
In ottica di genere si rilevano 670 casi in più per i lavoratori (da 11.165 a 11.835) e 207 in più per le lavoratrici (da 4.082 a 4.289).
L’analisi evidenzia un incremento delle tecnopatie denunciate al Sud (+515 casi), dove si concentra un quarto del totale dei casi protocollati dall’Istituto, al Centro (+270), i casi denunciati sono un terzo del totale nel Nord-Ovest (+168) e nel Nord-Est (+10). Le Isole, in controtendenza, mostrano un calo di 86 casi.
Alfredo Magnifico

Commenti Facebook