Istat: Cresce l’ottimismo verso il futuro, ma non la soddisfazione

610

Nella terza edizione del Rapporto sul Benessere Equo e Sostenibile (Bes 2015) dell’Istat si evidenzia che nel 2014 è aumentato l’ottimismo degli italiani verso il futuro (dal 24% di persone di 14 anni e più che ritengono che la loro situazione migliorerà nei prossimi 5 anni nel 2013 al 27% nel 2014). Nonostante il Paese non sia ancora uscito totalmente dalla crisi,i giovani, sono il segmento più ottimista e presentano il maggiore incremento positivo nonostante rappresentino i soggetti sociali più colpiti dalla crisi. Inoltre le differenze territoriali si riducono per effetto della quota di pessimisti che diminuisce di più nei contesti territoriali in cui era più rilevante: nel Mezzogiorno passa da 23,9% nel 2013 a 19,3% nel 2014. Il rapporto, inoltre, registra ulteriori segnali positivi nell’aumento della soddisfazione per il tempo libero (da 63% nel 2013 a 64,6% nel 2014) e per la situazione economica, che torna a crescere dopo anni, anche se rimane sotto i livelli precedenti alla crisi (dal 40,1% nel 2013 al 43,4% nel 2014).Questi andamenti positivi non si traducono ancora in una crescita della soddisfazione complessiva per la propria vita: dopo il forte calo registrato tra il 2011 e il 2012, il benessere soggettivo si mantiene stabile nel 2013 e nel 2014. La paura generata da una crisi lunga e intensa sembra rendere i cittadini ancora cauti, pur con una quota consistente di persone che valuta la soddisfazione per la propria vita molto elevata (35,4%).La soddisfazione per la vita mostra un andamento positivo tra 2010 e 2011 (da 100 a 103,2) e un forte crollo nel 2012, quando scende ad 89,1 per poi stabilizzarsi intorno a 89 nel 2013 e nel 2014.
Alfredo Magnifico

Commenti Facebook