Pietracatella, una stella per il Madagascar

915

stellanataleStelle di Natale per aiutare i bambini orfani del Madagascar. Questo il senso dell’iniziativa che si terrà oggi domenica 8 dicembre a Pietracatella promossa dall’associazione di volontariato Irma Di Marco. Il ricavato della vendita delle stelle di Natale sarà devoluto alla Missione di Suor Giacinta in Madagascar per il centro di accoglienza di bambine e ragazze orfane. Sarà possibile acquistare le piante sul belvedere di Pietracatella dalle ore 10 alle ore 19.

Suor Giacinta Panzera, nata a Pietracatella, da molti anni è missionaria in Africa, in Madagascar da due anni, a sostegno dei progetti umanitari della Chiesa Cattolica per le popolazioni del Terzo Mondo. Appartenete alla Congregazione delle Suore di Nostra Signora della Compassione , Suor Giacinta insegna nella scuola dei Padri Redentoristi ed inoltre si occupa del dispensario cattolico Nostra Signora del Perpetuo Soccorso, dove svolge servizio a favore dei malati e bisognosi di medicinali, bambini accompagnati dalle mamme o dai papà a chiedere cibo, ospitalità, medicine e latte in polvere. In Madagascar, provato dalla violenza di una forte dittatura, l’analfabetismo è del 70/80% ed i ragazzi che vogliono frequentare una scuola devono pagare perché le scuole statali sono in una condizione deplorevole, per cui la scuola a pagamento è negata ai poveri. Ecco perché la missione cerca di dare loro un posto accogliente per dare speranza a tante mamme giovani nel sapere che almeno i loro bambini avranno un futuro migliore.
Il nostro carisma, la compassione, è davvero di grande attualità oggi più che mai – dice Suor Giacinta – perché ci porta verso i più poveri, quelli che sono un rifiuto per la società dei ricchi e ci fa agire con un cuore compassionevole come Gesù che ha avuto compassione per i poveri, gli emarginati del suo tempo e per i quali ha sempre operato guarigioni e miracoli. Se anche noi abbiamo gli stessi sentimenti di Cristo, riusciremo a dare vita e speranza a tanta gente bisognosa di cose, ma soprattutto di sentirsi amata ed accettata. Infine l’appello della missionaria – Il Signore ama chi dona con gioia. A nome della mia gente e dei tanti bambini vi chiedo di aiutarci ad aiutare-.

Commenti Facebook