Acne: nuova cura da alghe e salmoni

574

Le alghe marine e i salmoni hanno in comune alcuni acidi grassi che sembrano essere efficaci contro un batterio responsabile di molte forme di acne e altri disturbi della pelle. Lo sostengono gli scienziati della University of Stirling, Scozia, con una ricerca pubblicata su Marine Drugs che Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, associazione che si occupa anche di tutela della salute e quindi di divulgare i più recenti e importanti studi in materia, ritiene opportuno portare all’attenzione del pubblico giacché l’acne costituisce un problema serio che riguarda milioni di giovani e comporta anche non pochi riflessi psicologici nei casi più acuti.

Gli autori hanno studiato le proprietà di alcune alghe marine brune, accumulate attraverso la catena del cibo in pesci come i salmoni. Contengono rispettivamente l’acido Epa omega 3 e l’acido Dgla omega 6, entrambi con proprietà antinfiammatorie, in particolare contro il batterio Propionibacterum acnes.“Gli acidi grassi possono inibire o eliminare i batteri, sono presenti naturalmente sulla pelle ma si possono anche implementare”, si legge nello studio,”si possono assumere mangiando alghe e salmone, oppure spalmando sul viso creme che li contengano”, concludono gli studiosi.Ora stanno sviluppando farmaci topici contenenti questi composti antibatterici contro l’acne e altre patologie della pelle.

Commenti Facebook