Due riconoscimenti alla Cantina Herero, per la Tintilia “San Mercurio” e la Tintilia “Herero.16”

177

Ancora un successo per la Tintilia di Toro.Il prestigioso riconoscimento nel “Premio Douja d’Or 2019” del 47° Concorso Nazionale Vini DOC, DOCG e IGP – di Asti – affonda le proprie radici nel Comune di Toro dove la Cantina Herero conduce i propri vigneti di tintilia.


A fregiarsi del bollino “Premio Douja d’Or 2019”- distinzione autorizzata dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali sono le Tintilie del Molise Doc “SAN MERCURIO” ed “HERERO.16”, rispettivamente annata 2014 e 2015. Si tratta di un risultato straordinario considerando che la cantina ha iniziato a vinificare nel 2014 e che entrambe provengono da terreni in agro del Comune di Toro.


La Cantina Herero poco più di una settimana fa riceveva la premiazione con “Gran Medaglia d’Oro”, miglior vino rosso e secondo posto generale in graduatoria al Concorso Enologico Internazionale Città del Vino – “International Wine City Challenge” – con la Tintilia “HERERO.16”. Il Concorso Enologico Internazionale Città del Vino – International Wine City Challenge, è l’unico del genere che si organizza in Italia e prevede la premiazione sia delle cantine che dei Comuni in cui sono localizzati i vigneti. Il concorso – riservato ai vini DOCG, DOC e IGT – intende promuovere la qualità valorizzando la collaborazione fra Ente Pubblico e Azienda; il Sindaco si unisce ai viticoltori presentando idealmente i vini in concorso e per fare da testimonial al territorio.


Un grande risultato, inaspettato per la caratura del concorso, ma atteso per l’eccelsa qualità del vino che producono Michele e Concetta, a cui vanno le mie più sentite congratulazioni. Voglio ringraziarli anche per aver portato in alto il nome del Molise, di Toro e di Campobasso nel Mondo. L’orgoglio di
poter dire che dalle campagne di Toro (CB) nasce l’uva da cui deriva il rosso pregiato, il migliore del concorso internazionale, vincitore della Gran Medaglia D’oro, non ha eguali! Aver appreso che, oltre all’HERERO.16, anche la TINTILIA SAN MERCURIO, che porta il nome del nostro Santo Patrono, è stata premiata nel prestigioso “Premio Douja d’Or 2019” – 47° Concorso Nazionale Vini DOC, DOCG e IGP di Asti, è un grande orgoglio personale e sicuramente per Toro e per tutto il Molise.

È il caso di dirlo, quando competenza, capacità di sperimentare, voglia di innovarsi, di promuovere il territorio e valorizzarlo si fondono, i risultati sono le tintilie “HERERO.16” e “SAN MERCURIO”. Ora è il caso che il territorio inizi a conoscere e studiare questa bella realtà e che Cantina Herero e i Comuni di Toro e di Campobasso sappiano trovare sinergie per promuoversi a vicenda, per esportare nel mondo le proprie eccellenze, eno-gastronomiche e del proprio ambiente pressoché incontaminato. Ad majora commentano Paola Felice Vice-Sindaco del Comune di Campobasso e Roberto Quercio Sindaco del Comune di Toro, presenti il 24 giugno 2019 nella Sala Consiliare della Provincia di Benevento, a ricevere il premio dell’ ”International Wine City Challenge”, insieme all’azienda Herero.

Per Michele e Concetta che hanno avviato un’attività imprenditoriale da zero, solo pochi anni fa e che non svolgono come attività principale quella vitivinicola si tratta di un risultato straordinario: il riconoscimento di un lavoro incessante e meticoloso, condotto insieme all’enologo Arturo Erbaggio, che punta alla produzione di vini di qualità nel pieno rispetto della sostenibilità ambientale. “Non avevamo neanche i vigneti – ci spiegano – poi abbiamo preso dei terreni in agro di Toro (CB) dove abbiamo impiantato un vigneto di tintilia. Oggi questi riconoscimenti nazionali ed internazionali ci riempiono di orgoglio e ci commuovono, sapendo di aver realizzato in Campobasso la prima cantina urbana in Italia. Inoltre i premi sono una conferma della peculiarità del territorio che da sempre ha avuto una vocazione per la tintilia. Per noi – concludono i titolari dell’azienda – questi premi sono un ulteriore input a continuare a produrre vini tendendo sempre al miglioramento e ancor più ci motiva a vedere il vino quale elemento identitario che favorisce la valorizzazione del territorio in rete con le Amministrazioni”.


Per la Cantina Herero ed i suoi titolari, che hanno impiantato i propri vigneti nel Comune di Toro (CB) e la propria cantina nel Comune di Campobasso, il prossimo 7 Settembre sarà un’altra giornata di festa, di orgoglio personale e di stimolo a fare sempre meglio, ritirando il premio “Douja d’Or 2019” – 47° Concorso Nazionale Vini DOC, DOCG e IGT nella cittadina di Asti.

Commenti Facebook