Udc in subbuglio: Farina e Sciarretta si auto sospendono a Termoli

466

udcChe qualcosa nell'Udc termolese si stesse muovendo si sapeva già da giorni, ma la decisione assunta dai due consiglieri termolesi ha comunque sorpreso l'ambiente del Partito. I due amministratori, estremamente vicini all'ex Assessore Luigi Velardi, erano stati presenti alla conferenza stampa dello scorso dicembre in cui proprio Velardi, assieme ai maggiori esponenti del Partito di Casini chiedevano a Teresio di Pietro, segretario regionale, di fare un passo indietro per ridare slancio al partito votare una nuova segreteria.

Quella sollecitazione però, ad oggi, non ha avuto nessun esito, tant'è che Di Pietro è ancora al suo posto a rappresentare il Partito ma non gli amministratori ad esso collegati. Evidentemente Sciarretta e Farina, stanchi di una così prolungata impasse hanno preso l'iniziativa in maniera autonoma senza più voler attendere né le indicazioni di Partito tanto meno eventuali azioni di Di Pietro. Fatto sta che questa azione potrebbe anche minare la tenuta in consiglio comune della posizione di Michele Cocomazzi, che vede seduto tra i banchi un solo collega di Partito. Comunque, alla luce di quanto accaduto è ovvio che reazioni proverranno sia dal Partito sia dal gruppo Dirigente dello stesso.

Commenti

commenti