Situazione sanitaria in Basso Molise e gestione dell’emergenza Corona Virus, La Rete della Sinistra presenta esposto alla Procura

320

Il collettivo politico e il gruppo istituzionale consiliare “Termoli Bene Comune – Rete della Sinistra”  ha deciso di presentare un formale esposto alla procura in merito alla situazione sanitaria venutasi a creare nel Basso Molise e alla gestione dell’emergenza Corona Virus.

Abbiamo innanzitutto rappresentato la vicenda dell’ospedale di Termoli S. Timoteo, chiuso al pubblico per sanificazione dal giorno 5 marzo e parzialmente riaperto il 18 marzo per le sole urgenze, Ciò non assicura ovviamente il pieno diritto di cura ai cittadini, poiché esclude ogni attività di controllo, di ambulatorio e le prestazioni non urgentissime ma comunque indispensabili per la popolazione. Va detto che l’ospedale San Timoteo non risulta ad oggi utilizzato in maniera strutturata neppure per l’emergenza Coronavirus e, per di più, va ricordato che il vicino ospedale di Vasto, pur sede di terapia intensiva per pazienti affetti da Covid 19, continua regolarmente ad assicurare accessi al pronto soccorso, ricoveri ed interventi chirurgici.

E’ stata, inoltre, segnalata l’effettiva impossibilità di usufruire di cure routinarie nell’unico presidio a disposizione dei circa 100.000 abitanti del Basso Molise: ciò costringe la popolazione a vivere una situazione di grave ansia e impotenza, aggravata dal divieto di spostamento e dal protrarsi di una emergenza di cui non si intravede la fine e sarà causa nel medio periodo di un indubbio aggravarsi delle patologie, già riscontrato e denunciato dai medici stessi a livello nazionale a causa della diminuzione massiccia degli accessi al pronto soccorso, con ricadute economiche, psicologiche e sociali sicuramente gravi, specie in una regione come il Molise caratterizzato da un’età media alta.

Abbiamo contestualmente denunciato il fatto che non siano state prese in considerazione le richieste ufficiali pervenute alla direzione ASReM e alla Presidenza della Regione Molise (inviate anche al Ministero della Salute e alla Presidenza del Consiglio dei Ministri) da parte dei sindaci di ben 98 su 136 comuni molisani e di diverse associazioni e gruppi politici; richieste volte ad ottenere l’utilizzo almeno temporaneo dei presidi di Larino e Venafro per le attività giornaliere di assistenza e cura non legate all’emergenza Coronavirus. Ciò avrebbe consentito alla popolazione di usufruire dei servizi sanitari ai quali ha diritto in base ai LEA, non più garantiti dalle circostanze sin qui esposte.

Si interroga, infine, sulla legittimità del fatto che un ente privato accreditato possa offrirsi di gestire per due mesi, a proprie spese, l’ospedale pubblico di Larino per l’emergenza Coronavirus, come ha appunto fatto la Neuromed di Pozzilli. Tale proposta, oltre che operativamente incomprensibile, risulterebbe di dubbia legittimità giuridica e comunque in aperto conflitto con quanto invece richiesto da numerose amministrazioni comunali e con le necessità giornaliere di cura della popolazione.

Come Termoli Bene Comune-Rete Della Sinistra abbiamo ritenuto doverosa questa richiesta di accertamento delle citate circostanze, le quali, oltre a creare estremo disagio a decine di migliaia di cittadini, possono costituire violazione dei diritti costituzionali alla salute, diritti assolutamente irrinunciabili, a maggior ragione considerate le attuali condizioni di emergenza.

Commenti Facebook