Cosib/De Lena: “figura di niente”

140

Riceviamo e pubblichiamo

Il 22 ottobre, si sarebbe dovuta tenere l’assemblea generale del COSIB. Un’assemblea importantissima dove si sarebbe discusso di importanti argomenti ed in special modo dell’approvazione del bilancio e della nomina dei componenti del Comitato direttivo compresi Presidente e Vice-Presidente.

Credo, come la quasi totalità dei cittadini termolesi e come detto da tanti anche sulla stampa, che se le previsioni di nomina fossero quelle anticipate dal Segretario PD Chimisso e dai media, la città di Termoli farebbe una figuraccia incredibile. Ma ne ha fatto una non dico peggiore ma che caratterizza l’intervento del Sindaco Roberti di una superficialità e sciatteria politica-istituzionale.

Non è possibile che il rappresentante della più grande città del Basso Molise (aggiungerei del Molise) e del Consorzio vada ad un’assemblea e non conosca la normativa che sorregge la stessa assemblea e cioè che per poter partecipare legittimamente si deve essere in regola con il pagamento delle quote. Ed a quanto sembra il Comune di Termoli non era in regola per il pagamento sia del 2019 e sia del 2020. Ma chi sono i suoi consiglieri politici e giuridici Signor Sindaco?

Perché lei si è fatto mettere sotto scacco dal Sindaco di Ururi (che non conosco) il quale giustamente ha eccepito al Presidente del COSIB il mancato pagamento delle quote consortili da parte di Termoli e di altri Comuni e dunque l’impossibilità dell’assemblea ad adunarsi legittimamente. Che figura!

Non vi dico i commenti che ci sono in giro! E quindi tutto rinviato a data da destinarsi con la evidente conseguenza che la vicenda si sta trasformando in una telenovelas e per di più ai danni della città di Termoli e dei Termolesi. La frittata completa non è ancora fatta e dunque Signor Sindaco rispetti la nostra città ed il nostro territorio e nomini un giovane brillante della nostra Termoli (lo dice uno che ha una certa età) alla guida del Consorzio industriale. Ce ne sono tanti e molti di questi all’altezza del ruolo che dovrebbe svolgere.

Non ragioni con la solita logica spartitoria e con la logica di tutti fan così. Termoli la ringrazierà se uscirà da queste logiche. Inoltre un’assemblea divisa non sarà di aiuto a nessuno e soprattutto alla nostra città. E si Signor Sindaco perché già non contiamo più nulla in Regione ora non vorremmo non contare più nulla neppure al Consorzio Industriale che sorge quasi esclusivamente sul nostro territorio.

Giuseppe De Lena

Commenti Facebook