martedì, maggio 23, 2017
Home Tags Articoli con i seguenti tag "5 stelle"

5 stelle

507

Al referendum sulle Trivelle il Movimento 5 Stelle Molise voterà Sì per difendere il mare, perché a circa 20 chilometri dalla costa non vuole piattaforme di metallo che con le proprie attività possono rilasciare sostanze chimiche inquinanti e pericolose, con gravi conseguenze sull’ambiente. Voterà Sì per non togliere a un bambino la possibilità di vedere un orizzonte ‘pulito’.

389

Addio a uno dei fondatori del Movimento Cinque Stelle. E' morto a 61 anni Gianroberto Casaleggio, dopo una lunga malattia che l'aveva costretto anche ad un intervento molto delicato, nell'aprile del 2014. Inventore del Movimento 5 Stelle che aveva fondato insieme a Beppe Grillo. Sul blog di Grillo si legge: "Ciao, Gianroberto. Hai lottato fino all'ultimo".

417

Domenica 24 gennaio a Vieste, Abruzzo, Molise e Puglia uniti per tutelare il mare delle Isole Tremiti. “GIÙ LE MANI DAL NOSTRO MARE”, torna ad affermare con forza il MoVimento 5 Stelle dando appuntamento nel Gargano ai portavoce delle tre regioni e ai cittadini, per difendere l’incolumità di uno dei paradisi naturalistici del Paese che rischia di essere devastato dalle trivelle. “Parliamo di un’area da 374 chilometri quadrati che va, appunto, dalla Puglia all’Abruzzo passando per il Molise – spiegano gli organizzatori – Ci dicono che non è per trivellare che hanno dato questa concessione, ma la Petroceltic, certo, non si occupa di ricerca universitaria o scientifica e, laddove dovessero trovare giacimenti, chiederebbero sicuramente di trivellare e non possiamo permetterlo”.

353

"In merito alla notizia relativa alle iniziative annunciate per l'emergenza della cosiddetta 'Terra dei fuochi' il MoVimento 5 Stelle Molise fa presente che nei giorni in cui il Parlamento italiano si esprimeva sulle misure da attuare per la bonifica dei siti contaminati ha fatto approvare nell'aula del Consiglio regionale una mozione che ha impegnato direttamente il Presidente della Regione Molise Frattura ad attivarsi prontamente e contestualmente ha anche incontrato una delegazione parlamentare del 5 Stelle affinché il tema fosse seguito direttamente. Nel prendere atto dei passi in avanti compiuti auspichiamo che agli annunci seguano i fatti."

446

Basta scelte di partito. Abbiamo presentato una mozione per chiarire l’incompatibilità dell’assessore agnonese Cacciavillani, ora nominato presidente di Molise Dati. Di più. Presto presenteremo la nostra proposta di legge partecipata per il riordino del sistema delle nomine. A fine 2015 il governo regionale marchiato Pd ha fatto una serie di nomine regolate da un unico metodo: accontentare e distribuire poltrone e incarichi a compagni di partito e amici. Ma già dal giorno del suo insediamento, il presidente delle Regione Molise Paolo di Laura Frattura ha conferito incarichi in piena continuità con il passato. Ultimi, solo per scansione temporale, sono la nomina di Manuel Brasiello, fratello dell’ex sindaco di Isernia, all’Agenzia per la Ricostruzione; la proroga della consulenza d’oro all’avvocato Carmela Lalli da 90.000 euro l’anno, che si occupa di società Partecipate dalla Regione e il rinnovo del Cda di Molise Dati (con Dgr 752/2015 ) in cui spicca la nomina dell’assessore e vicesindaco di Agnone dott. Maurizio Cacciavillani in qualità di presidente.

556

In queste ore i Comuni stanno pubblicando gli avvisi per raccogliere le candidature. Bandi aperti dal 16 gennaio al 28 febbraio. Il percorso verso un Molise più equo è cominciato. Mentre c’è chi esulta per aumenti fisiologici da ‘zero virgola’ in economia, c’è un Molise che continua ad arrancare. I dati Eurostat hanno già stroncato le bugie del Governo nazionale: nonostante la congiuntura favorevole di fattori esterni, l’Italia sta perdendo il treno della ripresa. Il nostro Paese fa fatica più degli altri in ogni campo: produzione industriale, costruzioni, disoccupazione. In Molise la situazione resta grave, basta fare due chiacchiere con molti cittadini.

569

Campobasso continua inesorabilmente a stagnare nei bassifondi della classifica nazionale dei risultati della raccolta differenziata dei rifiuti, un primato davvero vergognoso che avrebbe dovuto spingere questa amministrazione ad affrontare il problema con la massima priorità, sin dai primi giorni dall’insediamento, nell’ormai lontano luglio 2014. Trascorso oltre un anno e mezzo non possiamo invece che constatare che la giunta Battista ha completamente ignorato la gestione dei rifiuti, passata in subordine rispetto a cose ben meno importanti.

607

Nel capoluogo molisano le vicende legate all’allargamento della Giunta comunale, l’elezione del Presidente del Consiglio e, probabilmente, il clima natalizio hanno distratto troppi colleghi. Frattura ha formalmente dichiarato guerra alla sanità pubblica scippando due reparti funzionanti, e semmai da potenziare, all’ospedale Cardarelli, ma sembra che la cosa non interessi molto ai rappresentanti politici di Campobasso. Probabilmente è la questione più grave che questa consiliatura si trova a dover affrontare e, purtroppo, il disorientamento sta prevalendo sulla lucidità di contrastare questa sciagura con tutte le forze. Vogliamo ricordare ai signori colleghi che lo scorso 8 aprile abbiamo votato all’unanimità un ordine del giorno che chiedeva al Presidente della Regione di fare il possibile perché l’ospedale cittadino fosse riconosciuto DEA di II livello. Invece, mostrando totale spregio della volontà dell’assise comunale, Frattura, con la colpevole complicità della D’Innocenzo, sta mettendo in atto un blitz che è legittimo definire una porcata senza precedenti.

398

E’ il momento giusto per far sentire forte il senso di comunità in Molise contro i rischi legati agli idrocarburi. Facciamo in modo che le istituzioni molisane siano adeguatamente preparate per contrastare gli atti di conquista della nostra terra da parte degli speculatori attuali e futuri. Per questo abbiamo presentato un impegno al Governo regionale, certi della massima condivisione in Consiglio. La Irminio srl, società italiana a totale partecipazione statunitense, possiede dal 2010 un permesso di ricerca di idrocarburi per un’ampia zona del Molise centrale, di 745 Km², denominato “Santa Croce”.

576

Abbiamo scoperto che la Regione, con i nostri soldi, continua a finanziare la liquidazione della società consortile. Il sistema di ‘scatole cinesi’ creato dal governo Iorio, ora passato a Frattura, continua a pesare sulle tasche dei cittadini. Un altro capitolo di una (brutta) storia infinita. Già oltre un anno fa il Movimento 5 Stelle ha presentato un’interpellanza e una interrogazione in Consiglio regionale, per fare chiarezza sul sistema di ‘scatole cinesi’ messo in piedi negli anni scorsi dal governo regionale per liquidare la gestione fallimentare della società consortile Campitello Matese, una odissea che abbiamo raccontato a fondo.