“Urgenze nelle malattie neurologiche”, al Neuromed un corso di approfondimento sulla gestione delle criticità cliniche

599

La patologia neurologica costituisce una considerevole quota nell’ambito delle urgenze mediche in ogni realtà ospedaliera, risultando a volte particolarmente devastante in termini di disabilità e mortalità. La diagnosi precoce e il tempestivo trattamento di questo tipo di urgenze garantisce l’efficacia dell’intervento stesso.
Sono queste le basi del seminario ECM (Educazione Continua in Medicina) organizzato dall’I.R.C.C.S Neuromed che si terrà venerdì, 27 novembre 2015, alle ore 9:00 presso la Sala Conferenze del Parco Tecnologico di Via dell’Elettronica di Pozzilli.
Il corso si propone di offrire un’utile guida agli operatori sanitari sulla condotta da tenere durante le prime ore dal manifestarsi dell’urgenza, dalla diagnosi alla terapia. Responsabili scientifici la dottoressa Anna Elisa Castellano, dell’Unità Valutativa Alzheimer I.R.C.C.S Neuromed e la dottoressa Roberta Fantozzi del Centro per lo Studio e la Cura della Sclerosi Multipla I.R.C.C.S Neuromed.
“Sarà l’occasione per effettuare un approfondimento su tutte quelle condizioni di criticità legate non solo alle patologie neurodegenerative trattate, ma anche in relazione alle altre patologie, cosiddette secondarie, di cui il paziente è affetto. – spiega Anna Elisa Castellano – Momenti critici possono essere legati, per esempio, agli effetti collaterali dei farmaci somministrati oppure alla gestione dei supporti protesici, spesso utilizzati nei casi di patologie neurodegenerative. Non dimentichiamo che stiamo parlando di patologie caratterizzate da un andamento cronico, in un paziente nella maggior parte dei casi anziano, ancor di più bisognose quindi di una corretta gestione non solo da parte dello specialista ma anche dell’infermiere insieme al familiare”.
Nel corso del seminario verranno affrontate tutte le situazioni di emergenza relative alle patologie demielinizzanti come la Sclerosi Multipla ma anche alle altre patologie neurodegenerative come la Malattia di Parkinson, l’Alzheimer, le demenze. Approfonditi, inoltre, altri due settori di estrema rilevanza: la ricerca di base nel campo delle malattie neurodegenerative e l’importanza del ruolo dell’assistenza infermieristica.

Commenti Facebook