Sosteniamo la lotta dei lavoratori delle pulizie nelle scuole molisane

367

Anche nel Molise come in tutta Italia si abbatte la scure del governo dei banchieri (Letta o Renzusconi poco importa) sui servizi di pulizia delle scuole, a causa del 25% di iniqui tagli alla Pubblica Istruzione. Lavoratrici e lavoratori del settore nel Molise rischiano di vedersi drasticamente ridotti le ore , i posti di lavoro ed il salario. Anche nella nostra regione è dunque necessario il sostegno a questa vertenza nazionale ed è necessario che la “lotta molisana” si unisca a quella in atto nelle altre regioni, mettendo in atto forme di lotta radicali. Si tratta anche di difendere un servizio scolastico essenziale.

Con l’occasione domandiamo pubblicamente: il gruppo regionale grillino del Molise chi sostiene ? Noi un’idea ce la siamo fatta, da alcune notizie che ci provengono da Lazio.Un gruppo di lavoratrici della scuola Trilussa di Pomezia ( Roma) si sono ribellate a questi tagli ed a loro deve andare tutta la solidarietà anche dal Molise.Il loro salario di 700 euro verrebbe ridotto a 200 euro, il loro orario da 6 ore ad una e mezza. Insopportabile. Contro questa provocazione, le lavoratrici hanno occupato la scuola.
Ma il sindaco grillino di Pomezia Fabio Fucci ha chiamato la polizia contro i lavoratori e le lavoratrici addetti/e alle pulizie scolastiche, che è intervenuta con brutalità sfondando il cancello della scuola, caricando le lavoratrici, sbattendo la testa di una di esse contro il muro, e costringendola al ricovero in ospedale .Il sindaco sceriffo a 5 stelle ha poi anche lodato l’intervento della polizia annunciando anche che procederà alla denuncia contro le lavoratrici manganellate, invitandole a “cercarsi un avvocato”.
Anche la Filcams CGIL di Pomezia ha definito “sconcertante” il comportamento del sindaco, chiamandolo “sceriffo improvvisato”.
In realtà non si tratta un improvvisazione. E’ la stessa logica con cui il sindaco grillino di Ragusa si contrappone alla lotta dei disoccupati, e il sindaco grillino di Parma ( il famigerato Pizzarotti) taglia i salari dei dipendenti comunali rifiutandosi persino di incontrare la loro RSU.E’ la logica di un progetto generale non solo estraneo ai lavoratori, ma contrapposto ai lavoratori e ai loro diritti. E’ l’anticipazione in miniatura della Repubblica reazionaria di milionari e miliardari come Grillo e Casaleggio.
E’ il grillismo reale , molto diverso da quello immaginario rispetto chiamiamo ad una seria riflessione vasti settori popolari molisani, anche di sinistra, caduti nella trappola dell’ennesimo populismo reazionario.

Commenti Facebook