Siamo Orgogliosi di essere europei. FP Cgil: Ora avviare l’iter di stabilizzazione dei precari

789

La pronuncia della Corte di Giustizia UE, emessa il 26/11/2014, in merito all’illegittimità dei contratti di lavoro a tempo determinato nel settore Scuola, non può che trovare la nostra più convinta e vibrante soddisfazione.
Peraltro, la posizione unanime, espressa dai tanti legali ed esperti di giustizia, circa l’estensibilità della sentenza a tutto il pubblico impiego, rafforza e conferma quanto da anni sostenuto dalla FP CGILL’abuso nell’utilizzo e nella reiterazione dei contratti a tempo determinato in Sanità, negli Enti Locali e, generalmente, in tutta la P.A., è stato, più volte, denunciato da questa organizzazione sindacale, anche nella nostra regioneRilevato che l’obbligo di dare attuazione alla normativa europea, e alla interpretazione che di essa ha reso la Corte di Giustizia, sussiste anche in capo alle Amministrazioni locali, sarebbe doveroso, opportuno e improcrastinabile (per evitare inutili e onerosi contenziosi) che i nostri rappresentanti politici avviassero immediatamente, le procedure di stabilizzazione, per tutti quei lavoratori/ici che, mediamente, hanno già maturato una “anzianità di precarietà” che sfiora la soglia dei dieci anni. A tal fine risulta imprescindibile una puntuale quantificazione sia della dotazione organica necessaria per rendere servizi di qualità ai cittadini, sia del numero effettivo dei precari impiegati nella pubblica amministrazione molisana.Considerato, poi, che nella sanità regionale si è generata la maggiore precarietà, chiediamo alla deputazione parlamentare molisana di attivarsi, con determinazione e tempestività, per ottenere, attraverso apposita proposta emendativa, una deroga al blocco del turn over nella legge di stabilità , al pari di altre Regioni del sud in piano di rientro.L’urgenza è rappresentata dal fatto che, in assoluta controtendenza, il Governo dello Stato Italiano, membro e fondatore dell’Unione, sta ponendo la fiducia sul Jobs Act rendendo ancora più flessibile, e perciò più precario, il mondo del lavoro.

Susanna Pastorino Segretaria Generale Fp Cgil Molise

Commenti Facebook