Riconoscimento area di crisi. Patriciello scrive al Ministro Guidi

846

“La situazione del distretto produttivo di Bojano-Isernia-Venafro è tale da richiedere il massimo impegno da parte del Governo per un rapido riconoscimento di ‘area di crisi’. L’apertura di un tavolo ministeriale con la partecipazione delle istituzioni regionali è certamente un segnale positivo che certifica la volontà dell’esecutivo di muoversi nella giusta direzione”. Queste le parole di Aldo Patriciello, europarlamentare molisano di Forza Italia, a margine dell’incontro avuto a Roma tra il Governatore Paolo di Laura Frattura, l’assessore al lavoro Michele Patraroia con il Ministro Federica Guidi. Un incontro – quello tenutosi al Ministero dello Sviluppo Economico – per il riconoscimento di “area di crisi” per il polo produttivo molisano compreso tra i Comuni di Campochiaro e Venafro. “Mi auguro – continua Patriciello – che si trovi al più presto un’intesa tra Regione e Ministero che permetta di mettere in campo, in tempi brevi, tutte le azioni ed i provvedimenti legislativi necessari per aiutare concretamente le aziende ed i lavoratori duramente danneggiati dalla crisi economica. Particolarmente colpita è certamente l’area industriale di Venafro che, costituita in gran parte da aziende che lavorano nell’indotto FIAT, risente maggiormente degli effetti negativi delle delocalizzazioni produttive avvenute nel corso degli ultimi anni. È necessario dunque agire rapidamente e con efficacia per evitare il collasso economico di un tessuto produttivo che rappresenta, in molti casi, l’unica fonte di reddito per centinaia di famiglie. Ho scritto al Ministro Guidi in qualità di membro della Commissione Industria, Ricerca e Energia al Parlamento europeo – spiega l’eurodeputato forzista – sollecitando l’utilizzo degli strumenti normativi europei esistenti come il Fondo di adeguamento alla globalizzazione. Credo infatti che un corretto utilizzo dei fondi messi a disposizione dall’Unione Europea sia la strada maestra per il rilancio della nostra economia, oltre a rappresentare un aiuto importante per l’intero comparto produttivo molisano”.

 

Commenti Facebook