Reehub, efficientamento energetico per un’edilizia innovativa e sostenibile. Toma: essere responsabili per il benessere delle future generazioni

192

«La mission è chiara e improcrastinabile: migliorare l’efficientamento energetico al fine di ridurre i consumi, ottimizzare gli approvvigionamenti ma, soprattutto, contribuire a limitare le emissioni di gas nell’atmosfera». Lo ha detto il presidente della Regione Molise, Donato Toma,
intervenendo in videoconferenza questa mattina al seminario “L’efficientamento energetico per un’edilizia innovativa e sostenibile: le opportunità per i professionisti del settore e per i comuni”.


L’iniziativa rientra in “Reehub”, progetto di cooperazione che coinvolge Comune di Agnone, Regione Puglia, Albania, Montenegro e ENEA, il cui obiettivo è accrescere l’efficientamento energetico degli edifici pubblici nelle aree delle regioni partner mediante la creazione di una rete di “hub” e la formazione degli stakeholder sul tema dell’efficienza energetica.

Un campo d’azione che chiama in causa competenze plurime e che si coniuga, principalmente, con i moderni studi ingegneristici, urbanistici e architettonici. Il governatore ha sottolineato come il progetto abbia anche una valenza educativa, «in quanto con esso si tende a sensibilizzare e creare una coscienza civile verso le tematiche della crescita sostenibile e della preservazione dell’ecosistema».

Toma, poi, ha posto l’accento sulla circostanza che a rappresentare il Molise sia il Comune di Agnone. Un fatto che ha giudicato estremamente positivo, «perché siamo fermamente convinti della necessità che il territorio debba scendere in campo con le proprie esperienze. Un banco di prova per crescere, fare rete, acquisire elementi innovativi e portare a compimento gli obiettivi dei programmi di cooperazione».


«Il nostro – ha sottolineato – è un territorio che deve fare i conti con diverse
problematiche, non ultima quella relativa allo spopolamento. Proprio per questo, va
preservato e valorizzato a livello ambientale, paesaggistico, architettonico, culturale
e quant’altro. Ma va anche rivitalizzato, incentivato e spronato attraverso percorsi di
best practice, accrescitivi e migliorativi, che ne esaltino il protagonismo».

«Il ruolo di Agnone, quale partner del Progetto Reehub, va in tale direzione e sono sicuro che il Comune saprà rappresentare egregiamente il Molise nel confronto con gli altri attori della cooperazione», ha concluso il presidente.

Commenti Facebook