Patto per la Sicurezza, Cotugno: oggi incontro interlocutorio con gli 11 Comuni

635

Dopo la stipula lo scorso 13 febbraio 2015 del Patto per la Sicurezza, sottoscritto da Regione Molise, Prefetture di Campobasso ed Isernia e 11 Comuni (Campobasso, Isernia, Bojano, Campomarino, Guglionesi, Larino, Montenero di Bisaccia, Riccia, Termoli, Agnone e Venafro), alla presenza del Vice Ministro dell’Interno, Filippo Bubbico, oggi pomeriggio è stato compiuto un ulteriore passo in avanti. Presso la Sala del Parlamentino di Via Genova, su impulso del Consigliere regionale Vincenzo Cotugno, si sono infatti riunite tutte le parti coinvolte per dare seguito al progetto esecutivo previsto dal Patto.

pattoUn incontro interlocutorio in cui, così come stabilito dall’articolo 2 del Patto “Priorità e Obiettivi”, dopo aver ascoltato le esigenze delle amministrazioni, con le stesse sono state gettate le basi per l’installazione dei sistemi di sorveglianza che permetteranno il controllo nei Comuni aderenti, per prevenire e contrastare fenomeni di danneggiamento dei beni pubblici e privati, lo spaccio di sostanze stupefanti, il degrado ambientale, il disordine urbano, aumentando altresì la percezione di sicurezza e qualità della vita.

Negli ultimi tempi anche le nostre Comunità sono state protagoniste di un incremento delle attività delinquenziali, che purtroppo danneggiano l’immagine dei nostri piccoli centri, aumentando la sensazione di insicurezza dei nostri cittadini” ha spiegato il Consigliere con Delega alla Programmazione, Vincenzo Cotugno, incaricato dalla Presidenza della Regione Molise a coordinare le attività del Patto per la sicurezza.

In questo quadro e in considerazione del numero sempre più esiguo di personale appartenente alle Forze dell’Ordine, c’è quindi la necessità di far ricorso a nuovi sistemi integrati che, avvalendosi della più elevata tecnologia, supportino le attività di sicurezza urbana. Per questo – ha aggiunto Cotugno – come valido strumento di rassicurazione, negli ultimi anni le Amministrazioni stanno ricorrendo all’uso di sistemi di videosorveglianza, anche per dare una risposta immediata contro gli atti delinquenziali e offrendo ai cittadini un maggiore senso di sicurezza, rispettando ovviamente anche la loro privacy”.

Il Patto per la Sicurezza che, così come ricorda il consigliere regionale Cotugno “è stato possibile stipulare grazie alla determinazione del Presidente della Regione, Paolo di Laura Frattura, che con la delibera n. 473/2014, ha attivato la linea di intervento “Sicurezza e Legalità” dell’Asse III ‘Ambiente e Territorio’ del PAR Molise, con un importo di 2,5 milioni di euro a valere sulle risorse del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007/2013.

Sento, inoltre, di voler ringraziare per il suo fattivo contributo anche il collega Cristiano Di Pietro e tutta la struttura regionale che con grande professionalità sta seguendo l’iter dell’intero percorso” ha concluso Cotugno.

Commenti Facebook