Non può essere bocciato lo scolaro dislessico. Il Tar Molise annulla la bocciatura

405

Bocciata dal Tar Molise la scuola che aveva bocciato lo studente dislessico. La sentenza 612/13 per Giovanni D'Agata, presidente dello "Sportello dei Diritti " é chiara: va annullato il giudizio di non ammissione alla classe successiva per il liceale affetto da dislessia. Secondo i giudici amministrativi l'istituto scolastico avrebbe dovuto realizzare il piano didattico personalizzato ad per lui. Nel caso di specie, la corte molisana ha accolto il ricorso di una famiglia ricordando come la dislessia sia ricompresa integralmente tra i disturbi specifici di apprendimento previsti dalla legge 170/10.

L'invalidità attribuita al provvedimento di non ammissione alla classe successiva, peraltro, va a inficiare annullandoli i debiti formativi del giovane. La carenza del profilo dinamico-funzionale non può essere considerata una giustificazione per il ritardo impiegato dall'amministrazione nella cura del percorso didattico speciale: l'istituto, rilevano i magistrati amministrativi, avrebbe certamente potuto procurarsi tale documentazione, rivolgendosi al competente Servizio pubblico socio-sanitario.

Commenti

commenti