Misure di contrasto alla povertà. Proposta della Conferenza delle regioni

555

Su impulso della Commissione Politiche Sociali e della Commissione Lavoro che si sono riunite in seduta congiunta il 26 novembre a Roma, è stata prodotta una prima bozza per l’inclusione sociale attiva e sul ruolo delle Regioni nel Piano Nazionale di Contrasto alla Povertà, che a seguire è stato illustrato dal Presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, in sede di Conferenza delle Regioni. Al termine della trattazione è stato deciso di costituire tre gruppi tecnici istruttori che esamineranno le proposte emendative e definire un documento unitario da sottoporre all’attenzione del Governo.
Sullo stesso argomento la Commissione Politiche Sociali proseguendo i propri lavori presso la sede di Roma della Regione Puglia ha incontrato in audizione la Rete Nazione dell’Alleanza contro la Povertà costituita da sindacati, ACLI, patronati, autonomie locali e mondo del volontariato, acquisendo il contributo di questo ampio arco della rappresentanza sociale sulla necessità di dotare l’Italia di una misura universale di sostegno al reddito e inclusione attiva per contrastare la povertà.
Conclusa l’audizione la Commissione Politiche Sociali ha incontrato i vertici dell’INPS nella persona della Dott.ssa Maia Giovanna De Vivo, per esaminare l’avvio del Casellario Digitale dell’Assistenza e subito dopo il Dirigente del Ministero del Lavoro e Politiche Sociali Dott. Alfredo Ferrante insieme all’ISFOL per le misure da intraprendere a tutela dei disabili e sull’Amministratore di Sostegno.

Commenti Facebook