Ludopatia. Adoc: lo Stato deve cambiare rotta, stop al dilagare di slot e sale

337

adocIl fenomeno delle ludopatie si sta pericolosamente diffondendo, finora ne sono rimasti vittime circa 1 milione di italiani ma il numero, senza interventi di contrasto, è destinato ad aumentare.Lo Stato non può più ignorare le ludopatie, non può più lucrare sulle spalle delle famiglie italiane – dichiarano dall’Adoc Molise – occorre intervenire duramente e urgentemente per fermare la diffusione del gioco d’azzardo, ponendo uno stop duraturo all’apertura di nuove sale e al rilascio di nuove licenze.

La ludopatie colpisce oltre 1 milione di italiani, con ripercussioni gravissime a livello psicologico, familiare e economico. È una situazione intollerabile, che rischia seriamente di degenerare se non verranno messi in atto in breve tempo interventi a contrasto del gioco d’azzardo. Gioco d’azzardo che oltre a mettere in ginocchio le famiglie foraggia la malavita organizzata, rendendo la questione ancora più cupa.

Dunque, la parola d’ordine deve essere combattere la dipendenza da gioco.  Occorre prevedere il divieto di aprire sale vicino a scuole e centri di aggregazione, incentivi a chi rimuove slot machine e apparecchi dai propri locali, Irap maggiorata agli esercizi che invece li mantengono e stop alle pubblicita’ che incitino al gioco d’azzardo. E’ necessario, inoltre, costituire un Osservatorio regionale sul fenomeno della dipendenza da gioco, che dovra’ monitorare il fenomeno e promuovere campagne di informazione e sensibilizzazione e al quale dovranno partecipare anche i rappresentanti delle Associazioni dei consumatori che, per primi, hanno il contatto con i cittadini in difficoltà.
Associazione dei consumatori ADOC Molise

Commenti Facebook