Fanelli a Roma con i sindaci molisani per tutelare i comuni

442

fanelli sindaco“Da tempo chiediamo importanti e strategiche questioni al Governo. Noi amministratori abbiamo bisogno di risposte concrete e soprattutto di risorse! Partiamo domani per Roma con tanti sindaci molisani: partecipiamo alla mobilitazione per chiedere con forza maggiore tutela dei Comuni e quindi dei cittadini. Ringrazio tutti coloro che saranno con noi e il presidente dell’ANCI Molise Sciulli per l’impegno”. Lo afferma Micaela Fanelli, membro dell’Ufficio di Presidenza nazionale ANCI e sindaco di Riccia, nel suo invito rivolto agli altri primi cittadini (sollecitati a presentarsi in fascia tricolore) e a tutti gli amministratori comunali, a partecipare alla mobilitazione straordinaria di oggi mercoledì 29 gennaio.

I Comuni – evidenzia – hanno bisogno delle risorse analoghe al 2013 per i servizi fondamentali: parliamo di asili nido, trasporto pubblico, assistenza domiciliare per i non autosufficienti, politiche di sostegno al lavoro, di tutela ambientale, culturali… Chiediamo al Governo un incontro urgente  finalmente risolutivo”.
“Bene che alcune richieste, che abbiamo avanzato con l’ANCI, siano state accolte con la Legge di Stabilità – sottolinea Fanelli -, come l’importante risultato dell’allentamento del Patto di Stabilità, tuttavia non si è trovata ancora soluzione all’impegno assunto dal Governo: il nostro obiettivo è infatti garantire ai Comuni nel 2014 le stesse risorse e quindi la copertura degli stessi servizi del 2013 per i cittadini!”.
La mobilitazione straordinaria è stata decisa dal direttivo ANCI al termine dell’Ufficio di presidenza. “Il nostro intento – spiega Fanelli – è ottenere soluzioni nelle prossime settimane, anche al fine di poter consentire ai Comuni di predisporre i bilanci nei tempi giusti ed assicurare lo svolgimento delle funzioni istituzionali”.
Tuttavia, Fanelli evidenzia con soddisfazione la prima vittoria dei Comuni e dell’ANCI: “Il Governo ha raccolto il nostro allarme relativo alla mancanza di un miliardo di euro nelle casse degli enti locali dovuto al passaggio dall’IMU alla nuova TASI”, tant’è che proprio alcuni giorni fa l’Esecutivo si è impegnato a trovare i fondi necessari per coprire il ‘buco’. “Questo è un ottimo risultato – ha concluso Fanelli -. Arrivano le prime risposte, ora attendiamo altri atti concreti”.

Commenti Facebook