Eolico a San Martino in Pensilis/ Il TAR respinge la sospensiva chiesta dalla ditta

187

Il Tar Molise, con ordinanza n. 141/2020 depositata oggi 23/7/2020, ha respinto l’istanza cautelare nel ricorso proposto dalla ditta Voltwind Energy srl contro il diniego espresso dalla Regione, dal Ministero dei Beni Culturali e dal Comune di San Martino in Pensilis alla realizzazione di un parco eolico nel comune basso molisano in località “Macchianera-Casalpiano” composto da 34 aerogeneratori di 3 MW ciascuno per un totale di impianto di 103 MW.


La vicenda amministrativa è stata oltremodo complessa e lunga.
Infatti, dopo il parere favorevole rilasciato dal Comitato V.I.A. della Regione nel 2013, la Giunta Regionale nel 2014 aveva ritenuto di esprimere giudizio negativo di compatibilità ambientale, aderendo alle osservazioni del Ministero dei Beni Culturali che avevano rilevato un impatto insostenibile sul contesto culturale, storico archeologico e paesaggistico dell’area. Dello stesso avviso la conferenza dei servizi, nella quale anche il Comune di San Martino in Pensilis aveva espresso parere negativo.

Da qui, il provvedimento finale di rigetto dell’istanza di autorizzazione, rilasciato dal Dirigente regionale del servizio politiche energetiche nel marzo scorso. Contro il suddetto provvedimento è insorta la ditta proponente, Voltwind Energy srl, con un articolato ricorso proposto al Tar Molise volto all’annullamento del diniego e al consequenziale ottenimento del titolo
autorizzativo.

All’esito della Camera di consiglio svoltasi il 22 luglio, il Tar Molise non ha concesso la sospensiva, ritenendo insussistenti i “requisiti per la concessione della misura cautelare”, in particolare i profili di danno, in quanto esposti solo “in maniera generica” e comunque soltanto sotto il profilo “patrimoniale”, e rinviando alla decisione di merito stante la rilevata “complessità” delle questioni e delle eccezioni procedurali, essendo stata eccepita la radicale inammissibilità del ricorso da parte delle difese sia del Ministero dei Beni Culturali che del Comune di San Martino in Pensilis.


Soddisfazione per l’esito del giudizio è stata espressa dal Sindaco di San Martino in Pensilis, Giovanni Di Matteo, il quale, d’intesa con la propria Amministrazione, aveva inteso costituirsi in giudizio per resistere al ricorso proposto dalla ditta e chiederne l’integrale rigetto, affidando l’incarico legale di rappresentare l’Ente all’Avv. Massimo Romano.

Commenti Facebook