Dimissioni Napolitano, Frattura: gratitudine immensa, adesso un nome condiviso per la nostra Repubblica

767

 “La gratitudine, prima di tutto. La gratitudine alla figura centrale della nostra storia repubblicana contemporanea, una figura che dall’alto della sua statura umana e politica ha saputo dare al nostro Paese la solidità che variabili, incongruenze e storture dei singoli e dei tempi più volte hanno messo a rischio. Senza Giorgio Napolitano, e non è retorica, l’Italia non avrebbe retto all’urto di anni, questi che viviamo, spesso confusi e incerti.A Giorgio Napolitano che oggi ci saluta rimettendo il suo secondo mandato di Presidente della Repubblica tutti dobbiamo essere, e tutti lo siamo, grati. Siamo riconoscenti per l’insegnamento che ci ha dato mettendosi a servizio di valori non negoziabili, il nostro Stato nella sua Unità, le nostre Istituzioni democratiche e la nostra Europa.
Due anni fa ha raccolto e recuperato la precarietà del momento politico la cui soluzione anche per noi presidenti di Regione era possibile solo con il suo ritorno al Quirinale. Lo ha fatto alla vigilia dei novant’anni ed è, questa, la prova di un coraggio e di una lealtà fuori dal comune. Di vero e profondo amor di Patria.Anche per rendere il giusto onore all’impegno e alla dedizione del Presidente Napolitano, si fa forte e convinto l’appello affinché il Parlamento individui un nome condiviso, all’altezza di chi lo ha preceduto, per rappresentare la nostra Repubblica nel segno della continuità”.

Il messaggio di saluto del presidente della Regione Molise, Paolo di Laura Frattura, al Capo emerito dello Stato, Giorgio Napolitano.

Commenti Facebook