Cimino all’interno del Corecom. Santimone: ci sarà un recupero pieno delle funzioni rispetto alle finalità istitutive di garanzia e controllo

671

Come rappresentante in seno al Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti, in più occasioni avevo sottolineato non l’importanza ma l’assoluta necessità della presenza, all’interno del Corecom, di un collega, di un giornalista.  La nomina dell’amico Vincenzo Cimino dunque non può essere altro che un toccasana per il Comitato Regionale delle Comunicazioni. Dopo aver visto, nel corso degli anni, transitare diverse figure, di varia ‘estrazione lavorativa’, finalmente, e per la prima volta, è stato nominato un giornalista, un iscritto all’albo, che assicurerà all’organismo competenza e professionalità. Sono convinto che con la presenza di Enzo ci sarà un recupero pieno delle funzioni del Corecom rispetto alle finalità istitutive di garanzia e controllo sul sistema regionale delle comunicazioni. Non dimentichiamo infatti che il Corecom, fra gli enti derivati, è uno dei più importanti nella   società delle comunicazioni. E tra funzioni proprie e delegate, il comitato potrà svolgere un lavoro importante per l’intero comparto dell’editoria molisana.
Enzo, il quale ha già annunciato che destinerà le indennità di carica all’organizzazione di corsi di formazione da svolgersi in Molise (e la sua nomina è dunque una garanzia di tutela assoluta per tutti noi, suoi colleghi, visti gli ‘appetiti’ che tale carica aveva suscitato in pseudo-colleghi da anni affaccendati solo a curare i propri personalissimi interessi a discapito dell’intera categoria), affronterà con competenza e autorevolezza   il compito che gli è stato affidato in un momento delicato per il settore della comunicazione nella nostra regione.
Un momento difficile che vede la difesa del lavoro tra i temi sicuramente più caldi, in tutti i settori, editoria compreso.
L’entusiasmo e la competenza saranno sicuramente i segni distintivi dei suo operato.
Ad Enzo rinnovo gli auguri per il prestigioso incarico.
Ad maiora…semper.

Cosimo Santimone  Consigliere nazionale dell’ordine dei Giornalisti

Commenti Facebook