Centro HUB di San Giuliano: la consigliera Manzo interroga Frattura e Petraroia

779

Si è tenuta nel pomeriggio di ieri, sotto la presidenza del Presidente Vincenzo Niro, la riunione del Consiglio Regionale dedicata alle interrogazioni e alle interpellanze. In particolare la Consigliera Patrizia Manzo ha illustrato una sua interrogazione al Presidente della Giunta Regionale, Paolo Di Laura Frattura, e al Vice Presidente, Michele Petraroia, avente ad oggetto “Informazione circa il centro HUB di San Giuliano”. L’interrogazione, che era stata firmata anche dal Consigliere Antonio Federico, mirava, come ha spiegato nel suo lungo ed articolato intervento la Consigliera Manzo, a comprendere, tra le altre cose: la posizione politica della Giunta regionale sull’accoglienza ai migranti; se nel centro HUB di San Giuliano si sta lavorando in concreto per l’assicurazione agli ospiti dei diritti umani; che numero di migranti saranno ospitati; chi sosterrà i costi di ristrutturazione del villaggio; con quale procedura d’appalto saranno eseguiti tali lavori; chi gestirà il centro; quanti migranti sono presenti sul territorio regionale; quali progetti di integrazione sociale per i migranti sono stati posti dai comuni e dalle istituzioni regionali; come verrà assicurata l’assistenza medica agli ospiti.
Il Vice Presidente della Giunta, Michele Petraroia, rispondendo all’interrogazione ha innanzitutto voluto chiarire che la Regione Molise sostiene la linea emersa dalla Conferenza Unificata del luglio 2013, ribadita nel luglio 2014, riguardante il cambio di rotta rispetto al passato per la gestione dell’accoglienza ai migranti, che è passata da una gestione esclusiva -come assicurazione dell’ordine pubblico- del Ministero dell’Interno, ad una organizzazione operativa affidata ad una filiera istituzionale in cui sono coinvolti lo Stato, le Regioni, le Province e i Comuni. In questa filiera istituzionale –ha detto- la Regione non ha compiti amministrativi diretti ma è chiamata a svolgere i suoi ruoli istituzionali per quel che riguarda, ad esempio, i controlli sanitari a tutela degli stessi migranti e di chi lavora nelle varie strutture. Azione che sta svolgendo. In questo quadro il Vice Presidente Petraroia ha evidenziato come ogni decisione
per quanto riguarda l’HUB è riservata al Ministero, e la Regione Molise si impegna a fare pressione affinché ogni tipo individuazione o di affidamento venga fatto, in maniera trasparente, con gare europee e con la massima condivisione. Il Vice Presidente ha poi riferito che in alcuni incontri avuti con le istituzioni dello Stato è stato assicurato che i costi per la gestione dell’HAB, di ristrutturazione della sede e di miglioramento della viabilità saranno a carico dello Stato stesso. Il tutto, ovviamente, -ha aggiunto l’Assessore- fermo restando le decisioni che gli organi preposti del Ministero andranno ad assumere in maniera definitiva su San Giuliano e sull’HAB. Anche se ultimamente ci sono state deroghe da parte dello Stato rispetto a quanto deciso dalla Conferenza Unificata, riportando molte decisioni in capo al Ministero, la Regione Molise sosterrà -ha detto ancora Petraroia- convintamente l’opportunità di continuare con la filiera istituzionale al fine di coinvolgere i comuni, che potranno autoproporsi per ospitare i centri per migranti, e vedere impiegato personale qualificato nella gestione delle strutture di accoglienza smistate dagli HAB regionali. Strutture che dovranno essere di piccole dimensioni, con numeri contenuti, tanto da non creare forme di criticità con il territorio. L’Assessore Petraroia ha poi riferito che attualmente il Molise ospita 1420, tra profughi e rifugiati, ed è tra le prime regioni d’Italia per accoglienza, rispetto agli abitanti, dopo la Sicilia e la Calabria. Per Petraroia gli esempi di gestione delle presenze di profughi e rifugiati dimostrano la capacità del sistema regionale di dar vita a buone pratiche operative. Capacità di cui essere orgogliosi al pari delle buone relazioni creatisi con le popolazioni locali, che hanno stretto con i migranti rapporti di socialità, in una logica di vera accoglienza. La Consigliera Manzo si è detta soddisfatta.
Le altre interrogazioni o interpellanze sono state rinviate alla prossima seduta per l’assenza degli interroganti, degli interpellanti o dei componenti della Giunta. Dopo aver aggiornato la seduta, il Presidente Niro ha presieduto una riunione della Conferenza dei Capigruppo per discutere dell’organizzazione dei lavori dell’Assemblea.

Commenti Facebook