La “315° Edizione delle Maitunate” di Gambatesa nel segno della musica, della cultura e del turismo itinerante

848

Anche per il capodanno del 2014-2015, l’Associazione Culturale “I maitunat’”, in collaborazione con il Comune di Gambatesa ed altre associazioni locali, propone un programma ampio e articolato mirato alla valorizzazione del territorio, nel segno della cultura, della musica e del turismo itinerante.  A far da sfondo ai consueti appuntamenti del “capodanno gambatesano” , quali la “Notte delle Maitunate”, che prenderà ufficialmente il via il 31 Dicembre alle ore 19:00 con la benedizione delle “squadre”, e l’esibizione “sul palco” dei gruppi musicali nel pomeriggio del 1° Gennaio, sono stati approntati una serie di eventi mirati alla valorizzazione territoriale ed alla riscoperta del patrimonio canoro-musicale di Gambatesa.
In particolare il 30 Dicembre alle ore 18:30 verrà presentato al Castello di Capua il volume “Cantando et Facendo Musiche”, curato dall’Ass. “I maitunat’”, che raccoglie centinaia di canzoni e poesie scritte da autori gambatesani dai primi del ’900 ai giorni nostri.  Una prassi, quella di scrivere canzoni e poesie in rima, direttamente riconducibile all’abitudine dei locali a creare le “maitunate” estemporaneamente, che viene ora ordinata e sistemata in un libro, con l’obiettivo di consegnare alle future generazioni questo grande patrimonio immateriale che il paese possiede, affinché ve ne sia traccia nei secoli a venire.  Per il sesto anno consecutivo giungeranno a Gambatesa camperisti provenienti da tutta Italia per il “VI° Raduno delle Maitunate“. organizzato dal Club Campeggio Molise di Campobasso in collaborazione con diverse associazioni molisane residenti nei paesi dove la carovana farà tappa. Un’iniziativa consolidata che permetterà a tanti turisti provenienti da fuori regione di visitare il Molise in camper e vivere l’esperienza delle “maitunate” da protagonisti.
La “315° Edizione delle Maitunate” si riconferma come un importante appuntamento nel panorama delle manifestazioni molisane, non solo dal punto di vista antropologico e culturale, ma anche come un evento di marketing territoriale finalizzato alla promozione del territorio molisano capace di convogliare turisti da fuori regione ed attivare quei circuiti economici virtuosi legati al turismo nei piccoli borghi.

Commenti Facebook