Romagnuolo: a Termoli necessarie misure urgenti per tutelare i pedoni dagli investimenti

205


È di questi giorni l’ennesima  notizia della morte di una donna investita al centro di Termoli e credo, a questo punto, che l’amministrazione comunale della cittadina adriatica abbia raggiunto il triste primato per il numero di investimenti e di decessi dei pedoni, anche perché quest’ultimo, il pedone, è una figura protagonista della circolazione stradale e rappresenta la parte più debole e indifesa in quanto esposto ad una maggiore vulnerabilità rispetto ad un conducente di un veicolo.

Naturalmente, necessito ringraziare di vero cuore tutti i vigili urbani di Termoli e tutte le forze dell’ordine che con grande professionalità e abnegazione, danno il massimo durante il loro lavoro quotidiano. È quanto dichiarato da Aida Romagnuolo.

Ciò non toglie che a volte, ha continuato Romagnuolo, non è possibile esimere lo stesso pedone dalle responsabilità in caso di sinistro, in quanto può assumere comportamenti poco diligenti anche se questo è molto difficile poi da provare nelle sedi giudiziarie e ciò comporta, maggiori responsabilità a carico dei conducenti.

Attraverso la predisposizione e l’utilizzo dei giusti supporti, ha proseguito Romagnuolo, è possibile invece contribuire alla tutela di entrambe le figure considerato che risulta difficile  intervenire su tutti gli automobilisti indisciplinati che, a Termoli, oltre ad essere estremamente distratti, probabilmente sono anche convinti di circolare sull’autodromo di Monza e pertanto, ritengo sia doveroso da parte dell’amministrazione comunale di Termoli intervenire urgentemente per tutelare i cittadini e prevenire gli incidenti attraverso l’installazione di strumenti più incisivi, magari installando dei  dissuasori di velocità come dossi artificiali e autovelox mobili  nelle zone critiche della città, e creare ulteriori percorsi pedonali.

Una delle zone più a rischio, dove si sono verificati il maggior numero di investimenti e decessi, ha continuato Aida Romagnuolo, è quella in prossimità dei due ingressi del Centro Commerciale Lo Scrigno posto in Via Madonna delle Grazie  e Via Martiri della Resistenza e, l’incrocio di Via Panama con Via De Gasperi, dove tra l’ altro è presente anche una zona giochi riservata ai bambini.

Infatti quotidianamente, ha ancora detto Romagnuolo, se non c’è un investimento sì assistono a scene raccapriccianti di pedoni che rischiano di essere travolti dalle auto e dai motorini che, ripeto, in quella zona, procedono ad una velocità troppo elevata, una zona quindi da monitorare e mettere subito in sicurezza, considerata la presenza del centro commerciale che crea un via vai di persone. Ho raccolto le istanze, ha ancora proseguito Romagnuolo, che mi sono state rappresentate da molti cittadini che abitano in quella zona, ormai stanchi di avere paura di uscire di casa e di non poter far uscire neanche i loro bambini a giocare.

L’amministrazione comunale di Termoli, ed è un invito che rivolgo al sindaco Roberti sempre molto sensibile a questi consigli e all’assessore comunale alla viabilità, ha concluso Romagnuolo, ha il dovere di intervenire con la massima urgenza ed efficacia  per tutelare sempre l’incolumità dei cittadini, considerato che dopo tanti tragici avvenimenti in questi casi a poco servono le parole.

Commenti Facebook