Emergenza sanitaria Covid-19. Terapie domiciliari. Richiesta urgente per valutare l’adozione di un nuovo protocollo di cura

279

I sindaci del Molise inoltrano esposto al Ministro della Salute Roberto Speranza, al Presidente dell’Ordine dei i Medici di Campobasso Dott. Pino De Gregorio, al Presidente dell’Ordine dei Medicidi Isernia Dott. Fernando Crudele, al Commissario della Sanità
Dott. Angelo Giustini, al Diretttore Generale A.S.Re.M Oreste Florenzano, al Diretttore Sanitario A.S.Re.M Maria Virginia Scafarto
, al Presidente della Giunta Regionale e dell’Unità di Crisi Regionale Donato Toma.

” Le linee guida del Ministero della Salute della “vigile attesa” circa il trattamento domiciliare del contagio da Covid-19 risulterebbero poco adeguate, come evidenziato anche da una recente sentenza del TAR Lazio che con un’ordinanza cautelare ha sospeso l’efficacia della nota AIFA del 9 dicembre 2020 recante “principi di gestione dei casi covid19 nel setting domiciliare” nella parte in cui nei primi giorni di malattia da Sars-covid, prevede unicamente una “vigilante attesa” e somministrazione di fans e paracetamolo, e nella parte in cui pone indicazioni di non utilizzo di tutti i farmaci generalmente utilizzati dai medici di medicina generale per i pazienti affetti da Covid.


Il “Comitato di Scopo per il diritto alla cura tempestiva domiciliare nell’epidemia di Covid”, formato da medici e specialisti italiani propone un diverso protocollo per le cure domiciliari dei pazienti .

In virtù di quanto esposto, e come già evidenziato da una delegazione del Comitato dei Sindaci in un incontro con il Commissario ad acta per la sanità in Molise, Dott. Angelo Giustini, che ha espresso” parere favorevole ai principi enunciati nella proposta”, richiede Alle Ecc.me Autorità in indirizzo – con cortese urgenza – di valutare la possibilità di adottare / attuare un diverso protocollo per le terapie domiciliari dei pazienti Covid (sollecitando in tal senso anche le Autorità centrali); protocollo terapeutico che si ritiene più efficace rispetto a quello attuale che prevede unicamente una “vigilante attesa” e somministrazione di fans e paracetamolo.

Come si evince dai risultati avuti nella Regione Piemonte che ha adottando un nuovo protocollo a partire dalla Provincia di Alessandria ha conseguito un drastico crollo dei ricoveri e dei decessi . La notizia ,trasmessa dal Tgr 3 della Regione Piemonte e dal Tg 2 in data 7 marzo ’21 , è stata testimoniata dal Dott. Enrico Cazzola e dal Dott. Federico Boveri.

Documento condiviso dai Sindaci dei seguenti Comuni:
Acquaviva D’Isernia
Agnone
Baranello
Belmonte Del Sannio
Bojano
Bonefro
Busso
Campobasso
Campochiaro
Campodipietra
Campolieto
Cantalupo nel Sannio
Capracotta
Casalciprano
Castellino del Biferno
Castelmauro
Castelpetroso
Cercemaggiore
Cerro Al Volturno
Chiauci
Civitacampomarano
Civitanova Del Sannio
Colle D’Anchise
Colli a Volturno
Conca Casale
Duronia
Ferrazzano
Filignano
Forlì del Sannio
Fossalto
Frosolone
Gambatesa
Guardialfiera
Guardiaregia
Guglionesi
Isernia
Limosano
Lucito
Macchiagodena
Macchia D’Isernia
Macchia Valfortore
Matrice
Mirabello Sannitico
Miranda
Montagano
Montecilfone
Montefalcone nel Sannio
Montelongo
Montemitro
Montorio nei Frentani
Oratino
Pesche
Pescolanciano
Pescopennataro
Pietracatella
Pietracupa
Poggio Sannita
Provvidenti
Riccia
Rionero Sannitico
Ripalimosani
Roccamandolfi
Roccasicura
Roccavivara
Rocchetta al Volturno
Salcito
San Biase
San Felice del Molise
San Giovanni in Galdo
San Martino in Pensilis
San Massimo
San Giuliano del Sannio
San Giuliano di Puglia
San Pietro Avellana
San Polo Matese
Sant’Agapito
Sant’Angelo del Pesco
Sant’Angelo Limosano
Sant’ Elena Sannita
Scapoli
Sepino
Sessano Del Molise
Sesto Campano
Spinete
Tavenna
Torella del Sannio
Toro
Trivento
Tufara
Vastogirardi
Vinchiaturo
Venafro

Commenti Facebook