Emergenza Covid/ Toma: chiesti al Governo ristori per le attività economiche chiuse e per i Comuni

211

Presieduto dal Presidente, Salvatore Micone, si è riunito oggi il Consiglio regionale.
In apertura di seduta il Presidente della Giunta regionale, Donato Toma, quale autorità di
protezione civile e sanitaria, ha fornito informazioni relative all’andamento della pandemia da Covid 19 in Molise.

In particolare il Presidente della Regione ha riportato all’Aula le previsioni del prosieguo del Piano vaccinale per quanto riguarda i soggetti fragili, il personale delle forze di polizia e del mondo della scuola. Come pure il Presidente ha ricordato il percorso fatto con il Governo nazionale, sulla base dei dati epidemiologici registrati nel Molise, che ha portato all’emanazione dell’ordinanza del Ministro della Salute per l’individuazione dell’intero territorio regionale quale “zona rossa” per un periodo di 15 giorni, a partire dal 1° marzo.

In proposito il Presidente della Regione ha riferito di aver avanzato alle autorità governative la richiesta di ristori per le attività economiche chiuse e per i Comuni. Sono intervenuti per evidenziare le proprie posizioni politiche i Consiglieri Nola, Fanelli, Calenda, Primiani, Fontana, Greco, Micone, Pallante, Iorio, Romagnuolo.


A valle della discussione sono stati presentati 4 atti di indirizzo dei quali 3 stati discussi (sono
intervenuti per esprimere le rispettive posizioni i Consiglieri Greco, Iorio, Cefaratti, Facciolla,
Manzo, De Chirico, Di Lucente, Primiani) dall’Assemblea e approvati all’unanimità (non ha
partecipato al voto il Consigliere Cefaratti).
Mozione a firma dei Consiglieri Micaela Fanelli e Vittorino Facciola, Manzo, avente ad oggetto
“Distribuzione bombole ossigeno-impegno al Presidente della Giunta regionale”. Con l’atto di
indirizzo il Consiglio regionale impegna il Presidente della Regione ad intervenire
opportunamente con l’ASREM a garantire una fornitura aggiuntiva di bombole di ossigeno
gassoso e/o liquido in numero adeguato a fronteggiare tale carenza in tutto il Molise.
Mozione a firma dei Consiglieri Micaela Fanelli e Vittorino Facciola, avente ad oggetto
“Completamento vaccinazioni su categorie esposte nei settori sanitari e scolastico. Impegno al
Presidente della Giunta Regionale”. Con l’atto di indirizzo il Consiglio regionale impegna il
Presidente della Regione a:

  • interloquire con il Governo centrale per ampliare la dotazione vaccinale del Molise,
    attuando gli indirizzi del reactive vaccination che sostiene che in situazioni particolari di
    gruppi demografici particolarmente a rischio, il piano vaccinale possa essere ampliato nelle
    scorte e velocizzato nella campagna;
  • chiedere di accelerare la vaccinazione per tutto il personale impiegato nelle farmacie e gli
    informatori medico-scientifici presenti nella regione;
  • chiedere di accelerare la vaccinazione per tutto il personale impiegato presso gli studi
    medici odontoiatrici;
  • chiedere di inserire negli elenchi da vaccinare anche il personale che svolge servizio di
    trasporto e di ristorazione collettiva per le scuole;
  • chiedere di vaccinare il personale scolastico residente in Molise e operante presso altre
    regioni.
    | Comunicato stampa n. 52/2021– f.to Addetto Stampa (Michele Simiele) 2
    Mozione a firma dei Consiglieri Micaela Fanelli e Vittorino Facciola, avente ad oggetto
    “Programma vaccinale Covid-19 popolazione over 80 a domicilio. Impegno al Presidente della
    Giunta Regionale”. Con l’atto di indirizzo il Consiglio regionale impegna il Presidente della
    Regione:
  • a promuovere rapidamente presso la struttura responsabile del Piano vaccinale l’implementazione
    del relativo programma delle vaccinazioni domiciliari per gli over 80 in accordo con gli enti
    territoriali di riferimento, prevedendo apposite equipe mediche in locali idonei dal punto di visata
    igienico-sanitario messi a disposizione da ogni singolo Comune;
  • a rafforzare le iniziative legate all’assistenza ai soggetti che si sottoporranno alle vaccinazioni
    COVID 19, soprattutto per quanto riguarda la previsione di punti di vaccinazione in ogni Comune;
  • di valutare ogni altra possibilità di supporto alla campagna di vaccinazione per la fase attuale e
    anche per quelle successive, al fine di ottenere una migliore risposta alla campagna di vaccinazione.
Commenti Facebook