Il Registro Imprese: hub italiano dei dati aziendali per la promozione della trasparenza del mercato e della pubblicità legale

587

La Camera di Commercio di Isernia, in collaborazione con la Camera di Commercio di Campobasso, organizza Giovedì 10 dicembre 2015, alle ore 15.30 presso la sala convegni della CCIAA di Isernia un Convegno sulla qualità dei dati del Registro delle Imprese, tenuto dalle Camere di commercio, dal titolo: “Il Registro Imprese: hub italiano dei dati aziendali per la promozione della trasparenza del mercato e della pubblicità legale”. L’archivio camerale, contenuto nel Registro delle Imprese, costituisce la più completa banca dati esistente oggi nel panorama economico ed aziendale, miniera ricchissima di dati e informazioni sull’economia e sulle imprese, a disposizione di operatori economici, professionisti e Pubblica amministrazione, tuttavia, non pienamente sfruttato e valorizzato. La crescita della “cultura del dato” deve diventare, pertanto, un fattore competitivo del nostro Paese la promozione della trasparenza del mercato e della pubblicità legalee per la

tutela delle iniziative imprenditoriali.
Nel corso dell’incontro, rivolto principalmente agli imprenditori, al mondo delle professioni, con particolare riguardo agli studi di dottori commercialisti, esperti contabili, consulenti del lavoro, ed alle associazioni di categoria, saranno illustrate ed approfondite nuove procedure di rappresentazione dei dati del Registro Imprese e le loro potenzialità di accesso ed utilizzo da parte di imprese, cittadini ed interessati, costituendo le stesse utile strumento di aggregazione di informazioni. La specificità e le caratteristiche di ogni singola impresa vengono illustrate in documenti sempre più completi che raccolgono, ad esempio, le certificazioni ISO, le attestazioni SOA, i dati relativi all’attività di import ed export o alla quotazione in borsa, fino all’implementazione, nel corso del 2016, del rating di legalità, particolarmente importante in un ottica di trasparenza e rafforzamento dei comportamenti etici delle imprese e della PA.
Il quadro dei relatori è rappresentato da eccellenti esperdel sistema camerale;
in particolare, interverranno:
Mario Altavilla, Responsabile Area Semplificazione, Servizi Digitali e Legalità di Unioncamere, da tempo impegnato n ella diffusione della cultura digitale e dei procedimenti che possono semplificare la vita delle imprese, il quale tratterà tema “Il fascicolo elettronico d’impresa”, previsto dall’Agenda per la crescita digitale e alimentato in particolare dagli sportelli SUAP.  L’esperienza maturata, a partire dal 2011, conferma che nei comuni ove le funzioni del SUAP sono svolte attraverso le Camere di commercio le imprese hanno l’opportunità di vedere significativamente semplificato il rapporto con la PA.;

Tobia Ascione, consulente camerale Infocamere, il quale evidenzierà le fonti informative e le nuove modalità di conoscenza e di lettura dei dati economici e di impresa disponibili a tutela della correttezza e della protezione della libertà degli operatori economici per un regolare svolgimento delle dinamiche imprenditoriali;

Il convegno si concluderà con l’intervento di Pierlugi Sodini, Responsabile Unioncamere del Servizio Registro Imprese e anagrafi camerali, il quale illustrerà le sfide e le prospettive che si presentano al Registro delle Imprese alla luce del Decreto Madia (l. 124/2015) e i vantaggi del sistema imprenditoriale derivanti dalle potenzialità informative, di trasparenza e di tutela della legalità garantite dal registro stesso.

Con la presente iniziativa s’intende far conoscere l’obiettivo strategico perseguito da tutto il sistema camerale di puntare sulla qualità del Registro Imprese, quale garanzia di trasparenza e di pubblicità, di proseguire nel lavoro di adozione ed aggregazione di nuove fonti a completamento delle informazioni sulle imprese, di promuovere, con iniziative di comunicazione incisive, la conoscenza del Registro e le possibilità d’uso per imprenditore e cittadino, affinché il dato stesso si traduca in azioni operative non solo tra gli addetti ai lavori.

Commenti Facebook