Il mondo del bere/ Whiskey in segreto, il proibizionismo americano al chiaro di luna

359

Inizia da questa settimana una nuova rubrica, dedicata al mondo della ristorazione, dell’enogastronomia e del turismo curata da Paolo Santangelo. Paolo è una figura di assoluto rilievo in questo settore, barman con riconoscimenti e premi mondiali e barmanager di grande successo e professionalità. Con lui inizia un percorso di collaborazione strategica che prevede iniziative comuni nella formazione e nella divulgazione nel settore enogastronomico e nella definizione di eventi e iniziative nel comparto turistico. Il gruppo Terminus, gruppo che fa della qualità il suo principio guida, si affianca da oggi ad una professionalità di grande qualità come quella di Paolo Santangelo per iniziare insieme un percorso di crescita del territorio, della sua cultura e della sua storia. (p.c.)

COS’È IL MOONSHINE?

di Paolo Santangelo*

Il proibizionismo è uno dei termini maggiormente usati in riferimento ad un determinato periodo storico e in particolare si riferisce al regime di proibizione assoluta adottato negli Stati Uniti dal 1919 al 1933, anche se di proibizionismo si parlava negli Usa già nell’Ottocento in alcuni singoli Stati e villaggi in particolare, e si adottava anche qualche provvedimento con restrizioni sulla produzione, sulle licenze sugli orari di vendita e le quantità. Il regime fu abolito dal presidente Roosevelt.

Quando si parla del periodo del proibizionismo Americano non si può non parlare di Moonshine – che significa “al chiaro di luna” – è un termine americano coniato per indicare un distillato, normalmente di mais, prodotto artigianalmente e clandestinamente. Bene, abbiamo capito cosa significa la parola Moonshine, ma per quale motivo prende questo nome? Beh, la prima cosa da spiegare è che il Moonshine nasce come distillato illegale, e per questo motivo non può essere prodotto alla luce del sole, dimenticatevi quindi la costruzione di distillerie, l’assunzione di personale, la maturazione in botte e ovviamente il pagamento delle tasse.

Il Moonshine è infatti un distillato artigianale, che non passa neanche un giorno in botte e che viene prodotto in posti isolati, vicino a fiumi (c’è sempre bisogno di abbondante acqua fresca per produrre distillati) e durante le ore notturne perché: “Quando spunta la luna tacciono le campane e i sentieri sembrano impenetrabili”.

*bar manager, esperto horeca

Per queste ed altre notizie sul mondo del bere visita il link

Commenti Facebook