Mancanza di scuolabus a Lupara, Soa: dichiariamo lo stato di agitazione

151

Nei giorni scorsi , i genitori degli studenti residenti nel comune di Lupara provincia di Campobasso evidenziavano vari disagi legati al diritto allo studio e alla sicurezza dei propri figli richiedendo un trasporto scolastico adeguato.
Precisiamo che i genitori si sono rivolti al suddetto sindacato per la tutela dei diritti , all’istruzione e alla sicurezza.
Altresi’ siamo stati informati dagli stessi di incontri avuti con il provveditorato agli studi di Campobasso , la prefettura di Campobasso , comune di Lupara,
ad oggi nessuna risoluzione del problema:
Nel comune di Lupara manca la scuola primaria di secondo grado come nei comuni limitrofi quindi Lucito , Castelbottaccio , Provvidenti e quindi gli studenti che sono 22 per frequentare la scuola dell’obbligo si devono recare giornalmente nel comune di Casacalenda che  nel caso di Lupara e’ il piu’ vicino e puo’ garantire tale diritto , anche gli studenti della scuola primaria  frequentano lo stesso istituto omincomprensivo .
Si precisa che la sola scuola elementare che era presente sul comune di Lupara gia’ mostrava delle criticita’ di sicurezza e di servizi mai  risolti  oltre che per gli esigui numeri degli iscritti , quindi il sottoscritto SOA avendo esaminato vari documenti  di impegni dalle parti risultano non portati a termine , quindi non accettiamo e respingiamo le dichiarazioni pubbliche di alcune cariche istituzionali che affermano che i genitori hanno scelto altre scuole fuori paese per motivazioni  di offerta formativa e di qualita’ diverse , invece la triste realta’  e’ la mancanza di politiche a favore delle aree interne, si e’ costretti spesso a lasciare il luogo dove si vive , non solo queste famiglie sono rimaste in loco per non abbandonare il proprio paese ma addirittura vengono tacciati anche per disertori , questo e’ gravissimo,
l’unico scuolabus esistente nel comune di  Lupara proviene da altro paese vicino che passa a prendere solo 3 studenti che hanno scelto di frequentare le elementari di Lucito che purtroppo e’ pluriclasse, unica scuola esistente in paese dato che le scuole medie non ci sono. 
 Intanto la maggior parte degli studenti di Lupara devono  essere accompagnati dai genitori quotidianamente con le proprie macchine  a quasi 20 Km di distanza perche’ non esiste uno scuolabus che garantisce di frequentare l’stituto omicomprensivo di Casacalenda  ,la scuola primaria e secondaria di primo grado dell ‘obbligo , quindi come dicevamo precedentemente e’ l’unica piu’ vicina ad avere ancora le scuole medie , l’unico mezzo di trasporto attualmente e’ l’autobus di linea frequentato da pendolari lavoratori e viaggiatori occasionali ,  per il quale  non è possibile rispettare le nuove linee guida in materia di trasporto scolastico di cui al nuovo D.P.C.M. del 7 settembre 2020 contenente ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, recante misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19, e del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33.
Il comune di Lupara dichiara pubblicamente che le richieste dei genitori sono esagerate e pretenziose e quindi possono frequentare le scuole a loro spese, dichiarazioni che riteniamo gravissime dato che non parliamo di scuola privata ma di scuola dell’obbligo.
  Ci rivolgiamo alle Autorità competenti menzionate in epigrafe cui l’obbligo di assicurare il diritto all’istruzione e dunque il servizio di trasporto scolastico degli alunni ricadono. Si è resa di assoluta urgenza la dotazione di uno scuolabus che possa assicurare il trasporto in sicurezza e nel rispetto delle nuove norme di contenimento della pandemia da Covid19 di ventidue alunni. 
Chiediamo che gli studenti in merito vengano tutelati . Qualora si rappresentassero ulteriori dinieghi di competenza, ci vedremo costretti ad adire le sedi giudiziarie competenti .

DICHIARIAMO LO STATO DI AGITAZIONE.
Intanto non escludiamo azioni sindacali di sciopero presso le sedi istituzionali opportune .

In breve attesa 
Per Il SOA

Sindacato Operai Autorganizzati 
il Coordinatore

Andrea Di Paolo

Commenti Facebook