Campobasso/ Lutto nel mondo della cultura, è morto Gian Mario Fazzini

682

Il mondo della cultura campobassana perde un suo esponente importante, persona riservata, ma che ha dato corpo nella sua troppo breve vita a tante iniziative di solidarietà importanti e di spessore.  Gian Mario Fazzini, 64enne presidente di ‘Antigone Molise’, associazione che si occupa attivamente della tutela dei diritti dei carcerati, è deceduto, lasciando un grande vuoto nel mondo intellettuale non solo di Campobasso, dopo aver combattuto contro una malattia purtroppo implacabile. Figlio di un partigiano ed inscritto all’Anpi, lavorava alla Biblioteca dell’Unimol di Campobasso; era responsabile della casa editrice ‘Studio Bibliografico Filopoli’ attraverso la quale ha promosso importanti pubblicazioni. Dalla redazione di Informamolise giungano alla famiglia ed ai parenti tutti sentite condoglianze.

Ora mi concedo un piccolo ricordo personale. Conoscevo Gian Mario ‘di vista’ dai tempi giovanili, ma solo negli ultimi quindici anni siamo entrati in contatto per interessi intellettuali, pur divergenti dal punto di vista ideologico, ma che mi hanno portato più volte a parlare con lui fuori dagli orari di lavoro. Eravamo distinti ma accomunati dalla passione per la lettura e la cultura e dalla voglia di fare qualcosa (lui ci è riuscito in maniera più grande e forte di me) per ‘svegliare’ il soporifero ambiente campobassano; tra le iniziative da lui volute e promosse ( per il tramite della Libreria Editrice Filopoli, con il sostegno dell’associazione Amici per la Politica di Campobasso) voglio ricordare la pubblicazione postuma del libro ‘A regola d’arte’ di un altro esponente del panorama artistico-culturale campobassano, Ernesto Saquella.

Di Gian Mario ricorderò sempre il rispetto che aveva comunque per le idee altrui, pur nella determinazione assoluta con cui mandava avanti le proprie, ma anche l’approccio gentile ed interessato verso proposte ed iniziative utili ad arricchire il panorama intellettuale del Molise e non solo.

Stefano Manocchio

Commenti Facebook