BiblioPride 2013: sono gratuite, sono libere, sono il nostro orgoglio. Sono le biblioteche italiane!

380

Anche quest’anno le Biblioteche italiane scendono orgogliosamente in piazza con la seconda edizione della Giornata nazionale delle biblioteche e con il BiblioPride 2013, che in tutta Italia, sabato 5 ottobre, punta a rilanciare l’attenzione su un settore e un servizio pubblico ancora vitale e amato dalla popolazione. Cuore dell’evento, ideato dall’Aib-Associazione Italiana Biblioteche, è Firenze.  Purtroppo, non sempre basta la voglia e l’orgoglio per migliorare le condizioni operative di un servizio quando, a livello nazionale, in meno di dieci anni, è stato registrato un meno 60% di investimenti e organici ridotti all’osso per tutto il comparto bibliotecario pubblico.

A fotografare la drammaticità della situazione sono i numeri diffusi dall’Aib: investimenti delle Regioni calati del 33% negli ultimi due anni, passando dai 66 milioni del 2010 ai 44 del 2012 (dati che, per altro, includono investimenti sia per i musei che per le biblioteche). Eppure, nonostante la poca attenzione delle istituzioni, le biblioteche continuano ad offrire gratuitamente, a migliaia di cittadini, un accesso all’informazione e alla cultura attraverso una serie di attività quotidiane che passano in sordina, sorpassate da grandi eventi di fondazioni private o grandi sprechi finanziati dai fondi europei: per sostenere le biblioteche basterebbe poco, basterebbe valutarne l’impatto sociale e culturale sul territorio in modo obiettivo.
Anche nella nostra regione le biblioteche non se la passano bene. Tagli e prospettive poco rosee coinvolgono un po’ tutti gli istituti bibliotecari locali, a cominciare dalle due biblioteche cittadine di Campobasso, la Biblioteca provinciale “P. Albino”, con oltre centocinquant’anni di storia, e la BiblioMediaTeca comunale, che pur continuando a far registrare dati d’affluenza giornaliera notevoli, sono costrette a fare i conti con stanziamenti sempre più ridotti.
Perché non si verifichi anche per le nostre biblioteche cittadine quello che si è appena verificato per l’importantissima Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti d’America, che da un giorno all’altro ha dovuto chiudere i battenti, anche online, e fermare tutte le proprie attività, è importante che l’onda lunga dell’amore, della passione, dell’orgoglio che possiamo vantare nel possedere una rete bibliotecaria così radicata sul territorio, si espanda andando ben oltre questa singola data del 5 ottobre.

Commenti Facebook