Home prima pagina Campionato nazionale Under 21: il Venafro Calcio a 5 ha perso il...

Campionato nazionale Under 21: il Venafro Calcio a 5 ha perso il derby pentro ad Isernia

330

Si è giocata Domenica 16 Ottobre la seconda giornata del campionato nazionale Under 21 e il Venafro Calcio a 5 ha perso il derby pentro ad Isernia per 5 a 4 contro l'Isernia Calcio a 5.

L'incontro è stato ben giocato da tutte e due le squadre, con la prima frazione di gioco terminata in parità per 3 a 3. Nella ripresa i bianconeri sono un po' calati e hanno subito con ordine la pressione dei padroni di casa, e sono capitolati solo nel finale su un ingenuità difensiva.

Coach Stefano Nini ha così commentato la gara e la prestazione dei suoi: "I ragazzi oggi sono andati molto bene, e mi è piaciuta molto la capacità di soffrire con la quale hanno retto molto bene la pressione degli avversari, soprattutto nel secondo tempo in cui siamo calati.Abbiamo poi preso un goal su un'ingenuità, ingenuità che ci farà crescere. Siamo soddisfatti e va bene così”.

A chiarire la soddisfazione del tecnico del Venafro è la dichiarazione del direttore generale del Venafro, Ernesto Cardarelli, che insieme a Nini è responsabile del settore giovanile della società del Presidente Scarabeo: “Stiamo facendo un campionato Under 21 con la maggior parte dei ragazzi che sono 'sotto età': questo è un campionato che normalmente viene disputato con ragazzi nati dal 1995 al 1997, mentre noi lo stiamo disputando con quelli nati nel 1999, e che lo scorso anno hanno disputato il campionato Allievi. Questa è stata una scelta della società che ha pensato bene di far fare esperienza a questo gruppo, proprio perché noi come società puntiamo sui giovani. Infatti con la prima squadra nel campionato nazionale di Serie B abbiamo scelto di valorizzare al massimo i nostri giovani e i calcettisti locali. Per cui a noi non preme particolarmente il risultato, ma far crescere questi ragazzi per poter potenziare in futuro la nostra squadra maggiore con 'risorse interne', proprio perché crediamo che anche sui nostri campi di gioco si possono formare dei futuri campioni!”.

 

 

Commenti

commenti

Commenti

commenti