Home prima pagina Calcio a5: nuova sconfitta per il Venafro

Calcio a5: nuova sconfitta per il Venafro

177

Si è giocata sabato 19 Novembre, la nona giornata di andata del campionato nazionale di Serie B e il Venafro Calcio a 5 ha perso in trasferta per 3 a 0 contro il Sagittario Pratola, e rimane ancora fermo al palo. Il Venafro non sa segnare e meritatamente perde, visto che come sottolineato anche da Mister Cuzzi per 'quindici volte' hanno fallito il goal.

Naturalmente amareggiato il coach dei molisani, Adriano Cuzzi, che così commenta la gara: “Abbiamo preso 15 volte il portiere”, è la battuta secca iniziale con la quale descrive l'incontro e con la quale individua grosse lacune nella finalizzazione del gioco offensivo prodotto, per poi continuare: “C'è un grande rammarico perché potevamo venir via con un risultato sicuramente diverso, che è 'bugiardissimo'. Però questo non conta: abbiamo perso uno scontro diretto importante ai fini della classifica finale e credo che dobbiamo fare una grossa autocritica. E' stata una bella partita, però se prendiamo per 15 volte il portiere qualche problema c'è. Se è così non possiamo parlare né di sfortuna né di altro. Sono limiti di squadra che purtroppo ancora si sanano”.

Il Presidente Gabriele Scarabeo al seguito della squadra così commenta la partita: “Il Venafro non sa segnare e meritatamente perde. Complimenti alla terna arbitrale, la prima vista sin d'ora 'equa e rispettosa di entrambi le compagini in campo', e complimenti al ventunenne portiere del Pratola, Mattia Palumbo, che farà sicuramente parlare di sé. Nei momenti decisivi ha veramente fatto la differenza e sapere la sua età è stata una lieta sorpresa. Complimenti al Mister degli abruzzesi ed alla società per il coraggio e la lungimiranza, cosa che dimostra che se si lavora bene i risultati arrivano anche e soprattutto con i giovani. Questa è la politica e lo sport che mi piace e per la quale tutti noi continueremo a lottare fin quando avremo forza, capaci e consci di poter far emergere la vera essenza dello sport anche e soprattutto quale formazione dei nostri giovani”.

Commenti

commenti

Commenti

commenti