Home Dal Territorio Il Consiglio di Stato salva per ora Bagnoli del Trigno Su Pietra...

Il Consiglio di Stato salva per ora Bagnoli del Trigno Su Pietra Martino ribadito il No all’eolico nel Parco delle Morge

156

Il Consiglio di Stato ha temporaneamente bloccato i lavori per l'installazione della mega turbina eolica di altezza pari a 84 m per 800 kw di potenza  nel territorio compreso tra Bagnoli del Trigno e Pietracupa, nel cuore del Parco delle Morge Cenozoiche.

Il provvedimento, accolto con un sospiro di sollievo dalle  numerose associazioni ambientaliste e amministrazioni comunali che si erano mobilitate nelle scorse settimane, è stato annunciato dal Sindaco di Bagnoli del Trigno Angelo Camele e dall’avvocato Margherita Zezza, che per conto del Comune sta seguendo il ricorso contro la ditta incaricata di eseguire i lavori di realizzazione dell’impianto. Il decreto cautelare emesso dal Consiglio Di Stato sospende di fatto i lavori fino all’udienza di merito in programma il prossimo 1 Dicembre.

Nonostante il provvedimento favorevole del Consiglio di Stato, domenica 6 Novembre l’associazione Orizzonti Verticali e la guida alpina Riccardo Quaranta, unitamente ai promotori del Parco delle Morge Cenozoiche Roberto Colella e Davide Vitiello, alla sezione molisana dell’AIIG rappresentata da Rocco Cirino, Nicola Petrella e Valentina Paoletti e il Sindaco di Pietracupa Camillo Santilli, sono saliti in cima alla Morgia Pietra Martino in agro di Salcito, per ribadire la ferma contrarietà all’installazione di impianti eolici impattanti nel Parco delle Morge.

In questa parte incontaminata del Molise è in atto un cambiamento inesorabile grazie al protagonismo di tante associazioni, amministrazioni e cittadini che da ottobre 2014 si stanno battendo con forza per salvaguardare il territorio e rilanciarlo sotto l’aspetto turistico e occupazionale. Risuona quindi forte e chiaro il messaggio lanciato dalla vetta della parete rocciosa di Pietra Martino: “non siamo disposti a svendere il nostro territorio e le speranze di tutti coloro che hanno a cuore il futuro del Parco”.

Commenti

commenti

Commenti

commenti