Home Isernia Ex Cantonieri: il presidente Coia invece di rinnovare i contratti scarica sugli...

Ex Cantonieri: il presidente Coia invece di rinnovare i contratti scarica sugli ignari e malcapitati cittadini le responsabilità proprie

308
emilizzo

 Alle 18.00 di martedì 22 novembre c.a., così come preannunciato e promesso dal prefetto di Isernia dott. Guida, ci sarà il tavolo di confronto per cercare di risolvere, una volta per tutte, la questioni cantonieri provinciali. Nell’attesa di portare alla riunione il nostro ennesimo contributo fattivo, il presidente Coia ha pensato bene di regalare ai cittadini della provincia pentra, una disposizione che intima i proprietari dei fondi tangenti le strade provinciali a tagliare e mettere in sicurezza il terreno a confine con la proprietà pubblica. In mancanza del personale a ciò preposto e preoccupato da possibili ripercussioni a danni o a persone (derivanti da probabilissimi incidenti  causati da una mancata manutenzione ordinaria della viabilità provinciale), piuttosto che porre in essere l’iter più banale e logico, cioè quello di prorogare o rinnovare i contratti scadutissimi dei cantonieri-autisti, il presidente della provincia beatamente scarica sugli ignari e malcapitati cittadini le responsabilità proprie. E allora bene sarà quello che emergerà al tavolo prefettizio, nel bene e nel male scopriremo chi nutre interessi avversi le aspettative di uomini che da quasi due mesi sono in presidio permanente davanti al palazzo di via Berta, questa volta non ci saranno scusanti.

Il dott. Guida, raccogliendo con grande senso di responsabilità le istanze e gli appelli del Comitato Pallotta, ha convocato per domani pomeriggio la regione, la provincia, l’Anci, il PCL, il CSA, nonché lo stesso Comitato. Per noi sarà l’ultimo atto, altro tempo non ne rimane, anche novembre è volato via e per strada come nelle case per i cantonieri è arrivato anzitempo e da troppo il freddo, è ora di poter raccontare alle proprie famiglie che l’incubo è finito!

Emilio Izzo

Commenti

commenti

Commenti

commenti