Home Campobasso Carenza di personale, la Sea approva bozza di convenzione con l’Ufficio di...

Carenza di personale, la Sea approva bozza di convenzione con l’Ufficio di Esecuzione Penale Esterna

265

Il Consiglio di Amministrazione della Sea ha approvato una bozza di convenzione con l’Ufficio di Esecuzione Penale Esterna (UEPE), al fine di sopperire alla carenza di personale, avvalendosi del lavoro socialmente utile degli ex detenuti e delle persone ‘in messa alla prova’ che hanno aderito a un progetto riparativo.
In attesa della riorganizzazione della Sea SpA, dunque, le sette persone che, attualmente, sono adibite allo spazzamento dell’intera città, avranno come supporto altra forza lavoro, dando l’opportunità, a coloro che rientrano nella categoria di persone individuate nella bozza di convenzione, di iniziare un percorso di reinserimento nella società, attraverso un servizio indispensabile in favore della collettività.
La Sea, in sostanza, si rende disponibile a inserire nella propria struttura condannati o imputati in attività non retribuite, a beneficio della collettività, nei servizi che svolge per realizzare le proprie finalità statutarie e istituzionali.
La categoria delle persone in regime di messa alla prova è stata introdotta nell’ordinamento italiano nel 2014, riguarda i reati puniti con la pena pecuniaria o con la pena detentiva non superiore ai quattro anni e consiste nella sospensione del procedimento penale prima del giudizio, con un programma di trattamento il cui periodo è deciso dal magistrato. L’esito favorevole della possibilità concessa all’individuo consente allo stesso di poter chiedere l’estinzione del reato.
“Lo svolgimento di attività a beneficio della collettività – il commento del CdA della Sea – ci consente di raggiungere un triplice obiettivo: il recupero sociale dell’autore del reato, la riparazione del danno commesso ai danni della collettività e, dunque, rendersi utili alla Sea e alla comunità con azioni di sensibilizzazione nei confronti dei cittadini. Il nostro ordinamento giuridico è volto al recupero del reo e, dunque, la nostra struttura si mette a disposizione per quell’obiettivo supremo cui mira la condanna penale”.
L’UEPE, in tal ottica, si impegna a collaborare con la Sea nelle attività di sensibilizzazione verso i temi ambientali, cui saranno inseriti i soggetti segnalati, indicando la professionalità prescelta, in modo che la Sea la possa collocare al meglio nella propria struttura.

Commenti

commenti

Commenti

commenti