Scala a chiocciola. Di Brino: la sSoprintendenza ha dato l’ok per la riqualificazione

568

In merito alle valutazioni espresse da molti cittadini circa i lavori di riqualificazione delle scala a chiocciola che collega l’area portuale al Borgo Antico, il sindaco Basso Antonio Di Brino intende rilasciare la seguente dichiarazione.
“In merito alle valutazioni espresse da molti cittadini circa i lavori di riqualificazione delle scala a chiocciola che collega l’area portuale al Borgo Antico –  dichiara Di Brino – è utile chiarire ai termolesi che anche questa Amministrazione avrebbe preferito la sostituzione dell’attuale manufatto elicoidale in favore di un’altra soluzione come, ad esempio, quella che appare in alcune foto d’epoca pubblicate su social media e testate giornalistiche.

I diversi progetti alternativi illustrati alla Soprintendenza ai Beni Architettonici del Molise nel corso di apposite riunioni operative, però, non sono stati giudicati compatibili con l’esistente.
A quel punto non abbiamo potuto far altro che prendere atto di questa volontà e salvare il salvabile, procedendo alla riqualificazione dell’esistente, consolidando la scala a chiocciola e rendendola più fruibile alla cittadinanza, così come peraltro accettato dalla Soprintendenza stessa. Tutto ciò per chiarire a tutti, ed anche a Sgarbi, che la nostra volontà era ben altra. Ad ogni buon conto suggerirei di attendere la conclusione dei lavori di riqualificazione, al fine di poter far prevalere un giudizio obiettivo e non un pregiudizio”.

Commenti Facebook