“Frutta secca Made in Italy”, a Termoli il convegno sulle opportunità del settore

1099

“FRUTTA SECCA MADE IN ITALY” è il titolo del convegno, in programma per sabato 13 giugno dalle ore 15, organizzato dal vivaio “VERDE MOLISE” di Alessio Pezzoli, presso la nuova sede in via Marco Biagi – zona industriale Termoli. Esperti del settore si confronteranno sull’argomento al fine di evidenziare aspetti tecnici, criticità e prospettive di valorizzazione di un segmento di mercato in forte ascesa in Italia.  L’evento rappresenta quindi un punto di partenza per la creazione di una nuova filiera agricola in Molise, con l’obiettivo di mettere in relazione produttori, imprenditori agricoli, professori universitari e rappresentanti delle istituzioni.  In particolar modo saranno illustrate le tecniche di coltivazione e lavorazione di mandorle, noci, nocciole e pistacchi e le opportunità derivanti dalla produzione di frutta secca in Molise, senza trascurare il lato economico, mediante la presentazione di fondi di investimento per le imprese agricole.
Il convegno punta, inoltre, a fornire agli imprenditori tutti gli strumenti necessari per iniziare a considerare queste nuove colture come valide alternative a quelle tradizionali.
Oltre ai relatori tecnici, interverranno al convegno:
Vittorino Facciolla – Assessore Regionale alle Politiche Agricole e Agroalimentari
On. Oliviero Nicodemo – Capogruppo Commissione Agricoltura Camera dei Deputati
On. Roberto Ruta – Membro Commissione Agricoltura Senato
On. Laura Venittelli – Membro Commissione Agricoltura Camera dei Deputati
On. Ernesto Carbone – “Segreteria Nazionale del Partito Democratico” con delega alla Pubblica Amministrazione, Innovazione e Made in Italy
Francesco Laratta “ISMEA” – Fondi di investimento per le imprese agricole
Per partecipare all’evento è necessario munirsi di invito, contattando il Vivaio Verde Molise all’indirizzo [email protected] o contattando il numero 0875.75.11.21. Il convegno è valido per l’attribuzione dei crediti formativi per Dottori Agronomi e Dottori Forestali.

Commenti Facebook