L’Ennebici Campobasso che cade in casa contro la forte Penta Teramo

736

Sconfitta dal punteggio assolutamente bugiardo per l’Ennebici Campobasso che cade in casa contro la forte Penta Teramo al termine di un match decisamente equilibrato. Fanno la differenza gli ultimi quattro minuti di gioco in cui gli ospiti hanno trovato le giocate giuste con Moretti e Pappacena che hanno messo in ginocchio la squadra allenata da coach Sabatelli. I locali si presentano all’esordio stagionale davanti ai propri tifosi con l’ultimo arrivato Vera e la presenza dell’argentino si rivela determinante. Il lungo fa praticamente tutto. Prende rimbalzi, segna, dispensa assist e si trasforma all’occorrenza in un playmaker, rivelandosi un vero e proprio all around. E non è un caso che nei primi dieci minuti l’Ennebici gioca un buon basket.

Forte in difesa e rapido in contropiede con i rivali che trovano la via del canestro soprattutto con Mignogna che si prende quattro tiri da tre, realizzandone due. Dopo il primo quarto chiusosi in parità (12-12), la musica non cambia neanche nei primi minuti del secondo periodo. Gramenzi inserisce Crescenzi che viene contenuto, anche se verso la fine del tempo Teramo prende un piccolo vantaggio grazie alle intuizioni di Moretti su cui non riescono i vari adattamenti difensivi attuati dai padroni di casa. Si arriva al riposo lungo sul 24-29, ma con la consapevolezza che l’Ennebici non farà da sparring partner. Alla ripresa dei giochi, i rossi tentano l’allungo, piazzando un parziale, comprensivo di ciò che era accaduto nel secondo quarto, di 18-4. Sembra l’inizio della fine, ma le bombe di Del Cioppo e Petrone, gli assist di Traversi, i canestri di Vera e la difesa decisamente aggressiva riportano l’Ennebici sotto di una lunghezza (41-42) tra l’entusiasmo del pubblico di casa che spera nell’impresa. La musica non cambia negli ultimi minuti con gli ospiti che provano ad allungare ed i bianchi di casa bravi a rintuzzare. Addirittura a quattro minuti dal termine ci sarebbe la palla del sorpasso, ma Tondi si fa cogliere dalla frenesia e spreca un’azione che doveva essere ragionata. A questo punto, scampato il pericolo, Teramo si affida a Moretti che piazza alcune bombe terrificanti ed a Pappacena, sino a quel momento corpo estraneo del match. I canestri della guardia sono devastanti e comportano il break che Vera e compagni non riescono più a rimarginare. Alla fine il punteggio, assolutamente ingiusto nel divario, recita 54-67 per Teramo, ma in casa Ennebici c’è la consapevolezza che questa squadra, con il passare del tempo, farà divertire i propri tifosi.
ENNEBICI CB 54
PENTA TERAMO 67
(12-12) (24-29) (41-42)
Ennebici: M. Sabelli, Marinelli, Traversi 2, Del Cioppo 5, E. Sabelli ne, Petrone 20, De Nunzio, Tondi 4, Vera 23, Pece ne, Sabato ne, Messere ne. All. Sabatelli.
Penta Teramo: Fracassa, Ippoliti, Mignogna 8, Pappacena 11, Moretti 24, Crescenzi 5, Alassio 2, Sacchini 1, Piccinini 6, Limoncelli ne, Quarchioni, Del Zoppo 10. All. Gramenzi.
Arbitri: Tarquinio e Persia.
Tecnico a Petrone (Ennebici).Francesco A. Brunale

Commenti Facebook