XX edizione di Frammenti d’Antico: Luca Capuano interpreta il Duca

1466

Quella del 2014 è, per Frammenti d’ Antico, una edizione particolare. Innanzitutto celebrativa: sono infatti 20 anni che la Compagnia di Cultura Popolare “La Perla del Molise”, presieduta dal dott. Franco Mastrodonato, riporta per una o piu’ sere come in questo caso, gli abitanti ed i visitatori in una atmosfera senza tempo rileggendo pagine di storia, tradizione e sentimenti della Bagnoli del Trigno di un epoca che fu. Il canovaccio di questa 20 esima edizione si arricchisce di una storia, tratta dal memoriale di Nicola Pascasio del 1738, che è stata portata in scena nella serata di sabato 16 agosto.. La visita di un Vescovo, i colpi di scena, gli attriti in una terra divisa tra due parrocchie. Ma anche i sentimenti, con la richiesta di matrimonio di un giovane di un altro paese che si è innamorato di una ragazza del posto. L’arrivo dei briganti, e la vittoria del bene, rappresentato dal popolo operoso, contro i cattivi, e la festa seguente.Cosi, il sedici agosto Bagnoli del Trigno vivrà una pagina bella e inedita, in attesa del momento clou previsto invece per lunedi 18 agosto, quando, dalle 17.30, si accenderanno i riflettori sui momenti centrali di “Frammenti d’Antico”. Ad impersonare il Duca quest’anno sarà l’attore Luca Capuano, affermato protagonista di fiction di successo come “Centovetrine”, “Le tre rose di Eva” e da settembre nel cast de “I Cesaroni”. Il bellissimo della tv sarà affiancato da Marta Gragnano, Miss Molise 2013 e splendida portacolori della nostra regione nella fase nazionale del concorso Miss Italia.Il Duca e la Corte attraverseranno in corteo tutto il paese, indossando splendidi costumi ispirati all’ epoca  firmati dalla stilista di fama internazionale Paola d’Onofrio, di origini bagnolesi. Il corteo farà sosta in piazza Umberto I° per la rievocazione della Electio Sindaci attraverso il sistema della fava e del fagiuolo.Dalle 20,00 nel Rione di Santa Caterina, si accende invece la Festa nel Borgo: un percorso attraverso vicoli e suggestive piazzette, articolato tra numerose aree di spettacolo e oltre venti stand gastronomici con le migliori espressioni delle tipicità bagnolesi. Dallo “scarcio”, gustosa frittella preparata al momento, al “macciucche”, latticino fresco di latte locale, passando per pietanze dai nomi fantasiosi e giocherelloni, a piatti piu’ robusti come le pappardelle al sugo di cinghiale, lo scattone o la “ciammaruca”, piatto di lumache al sugo.Alle 23.00, una delle principali novità dell’ edizione del ventennale: l’arrivo dei buoi della Carrese di Ururi, che saranno parte integrante della rievocazione storica sannita del Ver Sacrum, prendendo spunto dal romanzo storico “Viteliù – il nome della libertà” di Nicola Mastronardi, che curerà anche la regia di questo frammento. Dalle 24.00 in poi, una successione di momenti emozionanti, che da sempre lasciano senza fiato le migliaia di visitatori che raggiungono Bagnoli del Trigno il 18 di agosto: il “Volo della Fata”, accompagnato da luci e fuochi pirotecnici, dal Castello e fino alla piazza sottostante. Di seguito, la serenata alla sposa, la rivendicazione dello Ius Prime Noctis da parte del nobile, e gran finale con l’incendio artistico del Castello con oltre venti minuti di fuochi d’artificio, firmati da Remo Parente. Nella scorsa edizione, stime non ufficiali indicavano 16.000 presenze nel giorno dell’evento.Alla XX edizione di Frammenti d’Antico è stato dedicato anche un annullo filatelico speciale su una cartolina celebrativa.

Commenti Facebook